TRANSFORMED FOR JUSTICE

Entro nei ricordi, come quando da vedente entravo in una stanza chiusa da molto tempo, riprendendo parti di me dimenticate in un percorso che mi ha trasformata totalmente, ma era necessario se non volevo rimanere indietro, o chiusa nella stanza dei ricordi di ciò che ero prima di un incidente.
Prendo un ricordo, lo pesco in un oceano di immagini impresse eternamente nella mia memoria visiva, come quando cerco un file nel pc, aprendo sottocartelle dimenticate. Ci sono nel mio cervello anche numerose sottocartelle nascoste, sono quelle delle ultime immagini, molte delle quali forse poco reali. Avevo fatto numerosi "scan disk" nella mia memoria, volevo dimenticarmi: non ci sono riuscita, forse ero "troppo" veramente, come dicevano in molti.
E riaffiorano vecchie situazioni, antichi episodi, giurassiche immagini di luoghi e persone, poi scopro che sono passati solo pochi anni da quando mi hanno cambiato "sistema operativo", sarebbe a dire da quando non vedo più niente, certo non per colpa mia.
Un dramma? Si, per me lo è ancora, molto meno naturalmente di quando è cominciato un percorso infinito che mi ha portato lontana da tutti.
Molti staranno tremando all'idea che ho solo perso qualche senso, ma non la memoria, e vedo meglio di prima il mondo, anche se spesso me lo devo far raccontare. Non mi fido mai di chi racconta il mondo per me, chiedo sempre conferma a più persone e ottengo la mia visione reale tra i vari commenti di vedenti. Chi legge per me, e raramente succede, non sa farlo come vorrei, quindi devo crearmi una lettura anche dalla lettura altrui, infatti preferisco la sintesi vocale. Le persone non parlano come dovrebbero, cioè chiaro, e per me è difficilissmo ottenere anche un buon ascolto, sorda come sono. Ho bisogno di un mondo vero, e me lo prendo a fatica.
Capisco sempre di più, senza distrazioni visive ho però dentro di me il mondo vero, quindi: perché i vedenti devono necessariamente rimuovere questa mia dimensione? La realtà è quella cosa che si capisce, e non si vede né si ascolta... la si capisce, semplicemente.
Oggi mi sono ritrovata, da sola ci sono riuscita, e ritorno, cambiata.
Ritorno per dire che non dimentico nulla, che chi mi ha fatto del male la pagherà, e che giustizia sarà fatta, perché tutto gira, come dentro un 8 ...ma evito mie espressioni cabalistiche, sempre fraintese da tutti.
I traditori, i curiosi e gli ignoranti saranno tra i primi a pagarla, chi ha creduto in loro anziché in me crolleranno subito dopo, e così succederà a tutti coloro che hanno giocato con me, usandomi come se non fossi vera, tanto da farmi venire i dubbi sulla mia esistenza reale. Ma allora, chi si salverà tra tutti coloro che ricordo? Non lo decido di certo da sola: io sono molto protetta, intendo in modo ultradimensionale, sennò non starei qui, qualcuno non ci aveva pensato, comunque... anche se non me lo aspettavo, poi per una come me che non torna mai indietro..
E' bello tornare.
(L. Raffaeli)

0 commenti:

Posta un commento

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT