LE CIRQUE TOXIC


Sono affetta da fibromialgia (spastica e da lesioni cerebrali post traumatiche, vedi incidente che mi ha resa anche cieca ecc. ecc.), è una malattia che non mi aspettavo nella vita, come il resto, ma soprattutto non mi aspettavo alcune cose che, da ex normo non potevo considerare se non ci fossi caduta personalmente grazie ad un incidente che mi ha lasciata veramente morta, per questo cerco di dire e di non nascondere, lascio in una memoria virtuale una traccia o testimonianza, una verità, che potrebbe servire sempre a qualcuno e penso che una verità sia come una zattera di salvataggio in un maremoto (che sento dentro e mi ci sono svegliata alle 5.55 oggi).
1) Mi fu detto che dovevo fare sport, yoga possibilmente e poco altro perché "I pazienti fibromialgici dovrebbero svolgere le normali attività quotidiane (purché non troppo pesanti), evitando prolungati periodi di inattività e dedicandosi ad attività sportive soft, in base all'allenamento del singolo soggetto. È necessario che il paziente si mantenga in movimento senza affaticare al limite il muscolo." Il problema è che mi sono dovuta fare due traslochi da sola in un anno, che se esco per camminare devo essere io quella comprende i normo che mi vengono addosso, che giocano e distraggono i miei occhi, cioè il cane guida, ecc. poi non mi fanno entrare in palestra, anche se il cane starebbe attaccato a me come sempre e mi indicherebbe le poche macchine che posso usare, ma il problema dell'"igiene" riguarda solo un disinfettatissimo cane guida, di certo non coloro che rimangono con le stesse scarpe con cui sono entrati...
2) Ho rifiutato ogni farmaco, accettai solo di testare la fibromialgia con il THC, quindi seguii il consiglio di un neurologo e una reumatologa: farmi le canne o tisane di marijuana. Mentre da normo ho visto etti di cocaina sui tavoli di molte feste da "vip", ed ho conosciuto un numero impressionante di professionisti eroinomani, alcolisti ecc. ecc. (gente intoccabile, i "vip" o "pseudo-vip" appunto..) per me curarmi con la cannabis è un vero problema in questo paese, e sono passata io per una "tossica" a chi sapeva che fumavo erba.
3) Ho dovuto rinunciare a tutto praticamente, dallo sport alla cura con THC, mi tengo dolori che diventano sempre più forti, e il mio cervello programmato per altro è stanco di controllare mentalmente il dolore..

Soprattutto sono stanca di ignoranza, di ipocrisia, di squallore, di vivere in questo circo che vuole solo fenomeni da baraccone e un pubblico cretino (così nessuno si pone il problema di animali in gabbia maltrattati) e questa stanchezza non è dovuta alla fibromialgia, che peggiora e degenera, come la mente di milioni di tossici italiani, compresi quelli che si "fanno" di farmaci (viagra incluso).
Forse il maremoto che sento dentro è qualcosa di me che sta per esplodere, almeno lo spero.

12 commenti:

  1. Forse dovremmo solo trovare cannabis.
    O qualcosa del genere, come il concerto in si bemolle maggiore di Mozart per fagotto, che puoi ancora sentire.
    La musica è questione di frequenze. Come la luce.
    Quando la Bossi-Fini fu applicata la prima volta, Alevtina, che era venuta da Odessa clandestinamente, venne a stare da me, perchè la polizia faceva controlli a tappeto. E vissi in un lager mentale, con lei accanto. Non fu terribile la paura, ma capire tutto quello che avevo letto delle persecuzioni.Ma fu umano e fu perchè la vera paura era fuori da quella casa che ora mi è cara, come un posto nascosto. Fu perchè doveva essere.
    rdp

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura, trovo sia diabolico come la vita si possa accanire così ferocemente contro una persona luminosa, e premiare esseri mostruosi che esistono al solo scopo di provocare il male a chi capita tra le loro dannate fauci.

    Sembra che in questo universo i demoni creatori non conoscano ostali al loro malefico dominio.

    Non devi mai arrenderti Laura, non permetterlo. La luce che è in te è più forte di qualsiasi demone.

    Ti sono vicino.
    Marco

    RispondiElimina
  3. penso che quanto dicono di questa malattia, finora legata a terapie farmacologiche e sintetiche sia un po' confuso: 1) dipende dal paziente, 2) dipende dai sintomi (ad esempio a me colpisce soprattutto muscoli, legamenti e tendini, giunture comprese, crampi e scatti degli arti durante il sonno, ma con dolori che non auguro a nessuno, perché pare che sia dovuto al fatto che, dipendendo dal trauma cranico la malattia si manifesta dove in quel momento le zone del mio corpo erano più fragili, ovviamente grazie agli impatti della caduta). 3) il sonno non esiste, almeno quello profondo e questo provoca stanchezza perenne, ma dipende dai pazienti: io ero una iperdinamica prima, ora sono nella norma con tutta la FM, con tempi che fanno invidia a chi sta bene, nonostante stia a pezzi.. 4) il THC consigliato dai pochi medici più informati e privi di pregiudizi mi rilassava la muscolatura, mi permetteva di mangiare senza problemi di nausea o stomaco chiuso per i dolori, mi dava molto sollievo e mi aiutava nella concentrazione, ora impegnata solo a controllare dolori, ed altro ancora. 5) lo sport, se non è agonistico, porta giovamento perché star fermi è micidiale con questa malattia, i massaggi fanno peggio e il gelo che arriva dentro è qualcosa che non si può spiegare, invece muovendomi di continuo riesco a riscaldarmi (si fa per dire, visto che posso solo camminare per via delle palestre sempre più ignoranti ma dove non mancano tossici ormonati).
    la cosa assurda è che se una paziente come me decide di assuefarsi agli svariati farmaci e antidepressivi (per me inutili perché non soffro né di ansia né di depressione) tutto è lecito e gratuito, invece se volessi avere una piantina di maria in casa e farmi una tisana all'occorrenza rischio il carcere (vedi anche focolaio di tossici dove la "robba" gira senza problemi).
    ma in italia lo "spinello" è droga, invece il vino rosso "fa sangue", la birra addirittura c'è chi dice ancora che "fa latte" ecc. ecc. con i pregiudizi e le leggende.
    un ubriaco non fa molto effetto, un eroinomane si aiuta, un cocainome diventa politico, un malato che si fa una canna è da giudicare.
    io non mi arrendo, ma i dolori della FM non si reggono, come non reggo quando sono più sorda del solito e non so più dove sto (per alcuni medici dovrei prendere sedativi in questi casi, le goccine rilassanti.. io rifiuto tutto invece, se c'è THC bene sennò cammino, almeno fino a quando ci riuscirò e non crollerò per strada, ma meglio per strada che in un circo)

    RispondiElimina
  4. Dire che è ipocrisia è poco, da parte di chi criminalizza la marjuana e poi fa causa alle Iene perchè hanno scoperto che nel parlamento c'è chi fa largo consumo di cocaina. C'è ancora molto da lavorare, per esempio far capire che un cane addestrato e pulito non può far danni proprio a nessuno, perchè se pulito a dovere non può causare danni più di quanto li possa fare un uomo che si fa regolarmente la doccia. La cannabis è una droga leggerissima, che trasmette sensazioni anestetiche, e che se usata con parsimonia in alcuni paesi viene usata come farmaco. Invece, campagne diffamatorie per ragazzi che si fanno qualche canna, mentre i ricchi fanno arrivare in Italia per vie protette tonnellate di eroina e cocaina

    RispondiElimina
  5. Ho iniziato ad aver i primi sintomi a maggio 2007. Avevo crampi continui alle spalle con contratture improvvise che mi causavano dolori intensi. Giravo la testa e mi si bloccava il collo, infilavo una maglietta e sentivo delle fitte lancinanti. Poi ha iniziato a farmi male la schiena con dolori diffusi e lombalgia. Mi bloccavo nelle situazioni più strane. Non sono nuova al mal di schiena perché ho una protrusione fra le vertebre lombari che ogni tanto si fa sentire, ma questi dolori erano diversi... Sono arrivata al punto di smettere di guidare perché anche una normale manovra di parcheggio mi faceva vedere le stelle! Il medico diceva che probabilmente era stress e che dovevo cercare di riposare. Chissà perché quando non sanno cosa dire tirano fuori lo stress! Mi ha prescritto antidolorifici, analgesici e mi ha mandata a casa. Ma a me questa tesi non convinceva. Ho voluto quindi sentire il parere di un amico fisioterapista. Lui è stato il primo ad avanzare l'ipotesi che potesse essere fibromialgia. Abbiamo iniziato a fare delle sedute settimanali per sciogliere le tensioni e mi ha consigliato un miorilassante.

    Poi ad ottobre è arrivata la stanchezza: mi sentivo stanca, sempre. Stanca a stare in piedi, stanca a star seduta, ma stanca anche a stare a letto. E la mattina ero più stanca di quando andavo a dormire! Dormivo male ma non lo sapevo. Questo è un altro sintomo della malattia. La vita quotidiana stava diventando faticosa; andare a fare la spesa richiedeva una buona dose di energia, soprattutto per spingere il carrello pieno e per portare le borse; non parliamo poi di fare i "lavori di casa". Ho dovuto prendere una persona che mi aiutasse. A novembre all'improvviso il corpo è diventato rigido, ma di una rigidità innaturale per una come me che fa tanto movimento. Mio marito si è spaventato e mi ha portata subito dal fisioterapista ma i trattamenti non facevano miracoli e nemmeno i farmaci. Per una settimana sono andata a lavorare con il deambulatore: non sono una che si arrende io! Nemmeno con quel tipo di dolori. Ma il morale era in fondo ai piedi. Ho iniziato a temere il peggio. Perché quando ti trovi in una situazione come quella, con il corpo che fa quello che vuole e che non controlli più, ti senti impotente. E per la testa ti passa ogni tipo di pensiero.

    Sono tornata dal medico per sentire un suo parere, ma l'approccio "tradizionale" ti prescrive un sacco di farmaci ed un unico percorso: quello reumatologico. Mi ha quindi consigliato, visto che la sintomatologia era appena iniziata, di provare con un approccio "alternativo" più leggero e naturale. Sì, ma quale? Omeopatico? Fitoterapico? L'unica cosa era provare perché non c'erano ancora studi validi da poter consultare e il percorso era molto personale. Che bello! Così ho aperto Internet e ho iniziato a farmi una cultura.

    Se ti va di leggere il seguito mi trovi qui:
    http://gincastelli.splinder.com/tag/fibromialgia?from=3

    RispondiElimina
  6. molto interessante il tuo sito gin, l'ho visitato.
    io vivo in un posto dove non c'è nemmeno un laboratorio per le analisi, non esiste una piscina né tantomeno un centro di riabilitazione e fisioterapico.
    ci sono palestre si, ma avrai già capito che, nonostante potrebbero ricevere 2500 euro di multa se non mi fanno entrare, il mio cane guida fa ancora "tanta paura" ed io evito di fare guerre quotidiane, forse anche per stanchezza più che rassegnazione.
    comunque ho fatto caso che da quando sto al mare, nonostante l'umidità qui, che insieme all'acqua, è l'unica cosa che non manca, sto leggermente meglio, ma penso sia dovuto al fatto che ho tempi diversi, molto diversi da quelli che avevo a roma, quindi anche se dormo malissimo, forse anche per altri motivi legati al mio incidente (poco tempo fa mi sono spaccata un molare mentre dormivo tanto ho stretto la bocca mentre pensavo di precipitare...), quindi forse è anche lo stress che diminuisce perché qui non ci sono rumori tali da obbligarmi a concentrarmi come nessuno per sentire un umano che parla (sono mezza sorda), né ci sono tutti pericoli che incontro nel traffico della mia megalopoli: qui è tutto lentissimo, forse serve questo tempo ai fibromialgici? bo? io sto provando, ti saprò dire.
    i dolori quando arrivano sono lame che tagliano i muscoli a vivo, aghi che entrano nei nervi scoperti, martelli pneumatici che battono incessantemente su tutto il mio scheletro e a volte la stanchezza non mi consente di reagire con una passeggiata, allora mi metto in cuffia e "leggo" (sono pure cieca, sempre dopo l'incidente).
    il thc mi aiutava molto, inutile ripetermi, mi dava la possibilità anche di muovermi, invece di rimanere pseudo paralizzata per un giorno intero.
    oggi ad esempio sono più stanca del solito, forse il tempo che incide con una pioggia in arrivo, però sono uscita, il mare mi aiuta e mi cura, il solo stare seduta a riva mi da tanto, anche se è difficile rialzarsi per tornare a casa, per fortuna dietro alla spiaggia, perché ci dev'essere qualcosa (forse lo jodio) che agisce in positivo.
    il mio cane guida capisce quando sto male e non mi tira, perché a volte i polsi sembra che si staccano mentre ho le mani sulla sua manopola e il guinzaglio, penso che molti medici dovrebbero imparare anche dai cani, sicuramente più sensibili di tutti coloro che prescrivono farmaci e che parlano ancora di "stress" o di malattie "psicosomatiche" o "psicogene".
    ciao, a presto laura

    RispondiElimina
  7. Cara Laura,
    sono felice di averti incontrata nella Blogosfera. Mi sono permessa di inserirti nei link dei siti di contenuto del mio blog.

    Ho letto che hai trovato giovamento con un farmaco che ti rilassava... hai mai provato a prendere il magnesio in polvere? Io ne uso uno da anni per la spasmofilia che si chiama "Magnesio Supremo" (la notte le gambe mi saltano nel letto) e aumentando la dose ho trovato giovamento anche per la fibro. Invece per dormire prendo l'Escolthia Californica che oltre ad essere un sedativo del sistema nervoso centrale è anche antidolorifico, calma i dolori e aiuta a non digrignare i denti (anch'io mi massacro i denti la notte).

    Ho scoperto invece un rimedio molto personale per scaricare le tensioni: leggo molto. In vacanza sono riuscita a leggere 7 libri in 15 giorni. E non ho avuto nemmeno un dolore. Sono sempre più convinta che questa malattia parta dalla mente e dalla nostra incapacità di staccare la spina.
    Con affetto.

    Gin

    RispondiElimina
  8. dopo un incidente la mia mente è solo impegnata alla sopravvivenza, a me la fibromialgia è arrivata dopo una botta in testa e da lesioni cerebrali, diciamo che mentalmente sono lucida abbastanza per capire il lucro che avviene su ogni malattia o disgrazia (vedi ad esempio il business di terapie farmacologiche).
    il thc è l'erba, la marijuana, non è un farmaco e non porta dipendenza, ma se lo ammettono crolla un mercato che si regge sul proibizionismo e la coltivazione clandestina.
    il magnesio lo prendevo quando facevo allenamenti sportivi pesanti, smesso di fare sport perché obbligata dai soliti motivi altrui non l'ho più preso.
    non digrigno i denti di notte, il molare l'ho spaccato per paura, spero non mi succeda più visto che ancora tutti i denti miei.
    leggere fa bene comunque, ma per noi ciechi mancano le letture e certe volte il vero stress è solo reperirsi un libro, questo nell'era del digitale, un po' come del resto scrivo nel post, farsi una canna è ancora drogarsi, mentre la morfina che un medico mi consigliò no, ma questo paese non è l'olanda, dove in farmacia si può acquistare erba e scegliere autonomamente come curarsi, quantomeno alleviarsi i dolori.
    metto anch'io il tuo link qui, ciao grazie a presto laura

    RispondiElimina
  9. Ho sentito molto parlare dell'uso della cannabis per certi tipi di malattie e sono convinta che sarebbe meglio di tanti farmaci spaccabudella. Purtroppo come dici tu l'Italia non è l'Olanda. Ma le cose possono sempre cambiare. Mi auguro.

    Non sapevo che fosse così difficile trovare audiolibri. Pensa che anni fa, quando doppiavo molto di più di quanto faccia ora, mi era venuto in mente di usare la voce per leggere le fiabe ai bambini ^__^ e i libri agli anziani e agli ipovedenti. Ma mi hanno scoraggiata tutti dicendo che non avrei avuto successo... Mi fai rivalutare il progetto?

    RispondiElimina
  10. chi ti ha scoraggiata? anche se posso immaginare e molti ciechi sanno a chi penso, ti rispondo a questa cosa nel post "terzo millennio, libro o ebook?".
    riguardo all'erba: se avessi avuto una canna non avrei dormito 3 ore stanotte, invece.. dici che cambierà? non lo so, ora fa troppo comodo che giri erba al metadone (pure questa..)

    RispondiElimina
  11. Anche io soffro tra l'altro di fibromialgia. Ho avuto molti crampi sparsi dappertutto e dolori paralizzanti alla lingua, ma prendendo il magnesio supremo va molto meglio. Questa è l'unica cosa che ho risolto. Per i dolori nel resto del corpo mi fa qualcosa (minima) la vitamina D, ma prima di assumerla bisogna fare delle analisi non si deve prendere senza sapere se ne siamo carenti.
    Per il resto... tanti antidepressivi, che mi danno bruttissimi effetti collaterali e nessun beneficio. Non ne voglio più.
    I pochi antidolorifici cui non sono allergica mi fanno aumentare il dolore.
    Ma tanto, per chi non ce l'ha, la fibromialgia non è una malattia vera!
    Purtroppo il dolore degli altri è sempre il più sopportabile. Se non si vede dalle radiografie é ancora peggio.
    Claudia

    RispondiElimina
  12. ci sarà un giorno in cui si capirà che la "fattanza" la portano i farmaci e la "robba" con cui convivono molti apparentemente "normali", tra virgolette normali visto che di normale hanno solo l'apparenza, il resto è squallido e privo di coerenza come per tutti i tossici.
    una canna, o la cannabis non ha mai portato assuefazione e aiuta molto nella fibromialgia, ovvio che come si discute su una malattia, pensa quanto discuteranno prima di approvare ufficialmente il thc come rimedio naturale e funzionante.
    sinceramente se potessi mi farei una canna pure adesso, visto che i dolori sono tanti: pensa sto in calabria dove la coltivano per l'europa ma se chiedo una canna non ne sanno niente... questa è l'italia, così bigotta e arretrata, così corrotta e ipocrita, ciao claudia, evita i farmaci come faccio io e se la trovi prova la cannabis: siamo miliardi sul pianeta a dirlo solo qui è tutto proibito (forse perché il vaticano preferisce tisane mortali tipo quella che bevve papa luciani..)

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT