NIENTE 'NDRINA PER ME? (allora fuori!)


Chi comanda veramente in Italia? Per me il Vaticano, compreso l'intero occidente, ma poi chi c'è sotto gli alti prelati, tutti uomini potentissimi, ma anche dotti politici preparatissimi che il nostro governo se li sogna? Soprattutto: perché se non si ha nulla, nel proprio SANGUE, della CALABRIA non si è niente, e nessuno ci protegge? Da generazioni manco un calabrese nel mio albero genealogico e, anche se amo da morire questa terra dove ormai vivo, difendo la gente di qui, sia uomini che donne, queste le più forti d'Europa (poi ho capito il perché però), io non sono niente e non solo in Calabria, ma in tutta Italia, compresa "casa mia", che addirittura è ROMA:

(...) Ulteriore elemento di distinzione della ‘Ndrangheta è quello della “sorella d’omertà” cioè il ruolo rivestito dalla donna, non più solo dimessa compagna di capibastone o affiliati, ma pienamente inserita negli “affari di famiglia”. Le recenti indagini sulle principali cosche, hanno accertato che le donne di ‘Ndrangheta vigilano sull’andamento delle estorsioni, riscuotono tangenti, sono intestatarie dei beni appartenenti al sodalizio, ma soprattutto curano i rapporti con i latitanti e con l’esterno del carcere.
L’identikit che oggi si può tracciare sulla mafia calabrese è a dir poco inquietante. La ‘Ndrangheta può definirsi come una vera e propria holding internazionale del crimine, con un fatturato nel 2007 di circa 44 miliardi di euro, pari al 2,9% del pil nazionale. Dunque, come precedentemente affermato, è l’organizzazione mafiosa più pericolosa, a vocazione internazionale, con una struttura sempre più tentacolare, ramificata in tutta Italia e in diverse parti del modo. Nuove verità emergono dalle ultime indagini di polizia, le ‘Ndrine sono assetate di potere, cercano di reclutare nella loro struttura soggetti dal volto apparentemente pulito, quali commercialisti,avvocati, uomini d’affari, capaci di elevare la potenza economica dell’organizzazione. (...)
Anche la capitale è colonizzata dalle ‘Ndrine. Da Piazza di Spagna a Via Veneto, i locali “in” della città eterna sono terra di conquista dei clan calabresi, per ripulire denaro sporco. Gli ingenti proventi del narcotraffico vengono ripuliti nell’acquisto di quote societarie di importanti locali della Roma bene, permettendo così l’insediamento di esponenti della ‘Ndrangheta nel tessuto economico capitolino, con particolare predilezione per la grande distribuzione ed il settore alimentare. Anche la periferia cittadina ed il litorale a sud della città sono gestiti da varie cosche che nel tempo si sono spartite minuziosamente il territorio, stringendo tra loro, spesso, alleanze pericolose nella gestione dei grandi traffici illeciti o nelle grandi operazioni immobiliari, intessendo rapporti anche con le altre organizzazioni malavitose già presenti sul territorio. (...) LEGGI TUTTO

2 commenti:

  1. d'latra parte questi uomini avranno avuto delle madri che li hanno partoriti, no????
    quindi era sottinteso che le madri fossero colluse (si dice colluse????)

    sto leggendo i commenti a quel film uscito su rita atria, e appunto su madri, sorelle, donne che non l'hanno difesa anzi le hanno dato contro

    RispondiElimina
  2. si, si dice colluse, comunque la rita atria era siciliana, non era calabrese: due cose diverse la mafia e la 'ndrangheta, questo studio dimostra quanto quest'ultima sia più potente e perchè.
    ovvio che non tutti i calabresi sono così, sia uomini che donne, però gira e rigira poi scopri che è tutta una famiglia e se non hai manco un antenato calabrese è la fine.
    una volta un mio amico calabrese (orgoglioso di esserlo come tutti) mi disse: "la differenza tra il siciliano e il calabrese è nella mentalità: noi calabresi siamo troppo permalosi, portiamo rancore per secoli e ci si uccide tra famiglie se un antenato un secolo fa entrò dal barbiere senza salutare un nostro bisnonno, è la storia che ci ha resi così", io aggiungo: li accomuna, sardi inclusi, l'omertà.
    a parte alcune rarità che sono una minoranza tale che nessuno considera, a parte me, i calabresi sono i più potenti in assoluto, peccato che non ci sia di che vantarsene.

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT