UNA FRANCESCA "PERICOLOSA"


Da quando sono cieca sono cacciata via da ogni luogo praticamente e alcuni ciechi che leggono la finissero di dire che "loro fanno tutto", che "non hanno problemi", magari accompagnati solo da genitori o altri vedenti, perché non è così! Io, ma anche altri ciechi che come me preferiscono l'autonomia alle balie, vengo cacciata via, perché sono disabile e pure cieca: è una realtà, assurda ma vera e non mi vergogno a dirlo, come altri che si fingono bionici rimanendo senza vita reale, che io conosco anche troppo bene perché ho visto tutto fino a quasi 6 anni fa. Io sono sempre stata una grande sportiva, agonistica e non, da quando sono cieca sono stata rifiutata da ogni palestra o centro sportivo a cui mi sono rivolta, avvertendo che il mio cane entra per legge (in quanto anche più pulito di tanti ormonati che sudano su attrezzi che sfido chiunque a ritenere igienici, per non parlare delle scarpe con cui molti entrano ed escono..) e che di certo mi sarei fatta la doccia a casa mia: anche vecchi amici, addirittura quelli che mi chiedevano il favore di allenarmi gratis nel loro centro per fargli da promoter, mi hanno inventato scuse ipocrite che mi hanno fatto peggio di sapere che non posso più correre da sola.
Qui c'è una notizia, forse si è saputa questa cosa perché questa ragazza non è rimasta da sola, ma ha avuto solidarietà dalla squadra, altrimenti sarebbe stato uno dei tanti episodi assurdi che accadono in questo posto che parla di "vita": la mia vita senza sport è uno schifo, non riesco nemmeno a concepirla così ed ogni giorno dico "domani forse qualcuno mi aiuterà.." invece è così ormai da troppi anni, perché quello che leggete qui sotto è il pensiero di chi vede nei nostri confronti, quindi tutta la mia solidarietà a Francesca:

"Nuotatrice cieca esclusa dalle gare
Il giudice arbitro ha detto no alla partecipazione al master regionale: «Problemi di sicurezza». La squadra lascia per solidarietà.
TRENTO. Ieri pomeriggio, nella piscina di Madonna Bianca, si è svolto il campionato regionale master di nuoto. Una delle atlete iscritte, però, non ha potuto gareggiare. Francesca Fugatti, 30 anni, è stata esclusa dalla gara dei 50 metri rana dal giudice arbitro, dopo un consulto col presidente del comitato trentino della Federazione italiana nuoto (Fin). Motivo: ci sono rischi per la sicurezza dell'atleta e degli altri partecipanti perché Francesca è cieca, ha perso la vista da una decina d'anni. Per protesta contro questa decisione e per solidarietà con Francesca, i venti atleti della squadra, la Rari Nantes Valsugana, ha lasciato la competizione." (CONTINUA A LEGGERE)

19 commenti:

  1. posso capire che all'arbitro (è lui che non vede secondo me) possa venire in mente che far nuotare francesca possa essere pericoloso per lei, oddio non lo posso capire ma faccio finta di si, ma non capisco come farebbe a mettere a repentaglio la sicurezza degli altri!!!!
    ma non l'hanno denunciato?????

    RispondiElimina
  2. Francesca è stata esclusa dalla gara perchè ha avuto la sfortuna di trovare sulla sua strada un vero handicappato ..... anzi un clone; un essere fortemente limitato, di cui si dubita persino possa possedere l'anima.....

    RispondiElimina
  3. questo è il buio voluto da associazioni di categoria (una a caso? l'uic, visto che è la più ricca di tutte e tutti), quel buio che lascia perplessi molti (sia disabili che non) di fronte a noi disabili visivi, ovvio che c'è pure l'assenza di ragione propria e umanità: non so se ha denunciato patty, so solo che sono sempre più disgustata, anche per via di alcuni ciechi che insistono a fuorviare i vedenti dicendo appunto "io faccio tutto".
    sono rari coloro che, pur non vedendo, riescono senza alcun problema a farlo, e non per incapacità personale ma per i motivi che dico sopra.
    avranno avuto paura che francesca passasse da una corsia all'altra? che sbattesse addosso ad altri atleti? che ne so? di che hanno paura quando vado nelle palestre e chiedo di pagare per allenarmi, anche da sola visto che non ho quasi fatto altro nella vita, oltre a lavorare e fare la mamma? a me basterebbe che mi dicessero "qui c'è la panca, qui un tapis roulant, ecc. poi glielo farei vedere io come ci allena.. ma niente! la scusa è il cane, che ripeto per legge n.37 del 14/02/74 entra ovunque.
    marco francesca non è l'unica, con me siamo già due, ma siamo moltissimi, troppi ad essere discriminati così.
    mi salva lo yoga, che però ho rinunciato a fare con regolarità per via del fatto che mi rompe fare sempre e solo la stessa cosa, così cammino, ho lasciato roma per camminare su una spiaggia, pure questa cosa difficile da far capire a molti, così pieni dei loro complessi di superiorità da "normo", senza sapere quanto sono più "normo" io nonostante sia ridotta così.
    dove mettono i soldi le associazioni di categoria (sempre quella citata a caso sopra)?? perché non tutelano noi disabili visivi anche nello sport con tutti i mezzi a disposizione che hanno? io potrei addirittura guidare una moto anche così se solo avessi chi mi guidasse con interfono, ovviamente in una pista e non su strada, ma potrei anche questo, pensa se non posso allenarmi da sola: se un giorno sarò risarcita di questo enorme danno mi farò una palestra in casa: ma non è giusto! investirei molto del mio denaro sicuramente in un'informazione giusta e nella tutela di noi disabili tutti, visivi e uditivi in primis

    RispondiElimina
  4. Igiene ,fobia psicologica del cane o pregiudizio razzista?Cara Laura,purtroppo il problema del cane e' dovuto spesso alla paura della gente dell'alito e la puzza che non a tutti piace,a parte la bava e le zampate o altro che tu sai,tipo annusamenti,leccotti,sesso su gamba,ecc.,oltre che al problema presunto di pulci e zecche;non hai considerato il fatto di lasciarlo fuori in qualche modo?Può darsi che avendo un cane guida più piccolo(per la difesa ci vorrebbe un rottweiler nano invece del buon vecchio pastore tedesco,eheh)magari lasciato con museruola legato in qualche angolo fuori dalla palestra,dove non possa saltare addosso a nessuno,tu possa fare sport.Il problema e' che spesso devi sopportare aliti vomitevoli e puzze allucinanti di pedalini,sudore di ascelle,ecc. di "umani" che definire bestiali è un'offesa al regno animale.Un abbraccio,ciao.

    RispondiElimina
  5. Ah un suggerimento:perchè non vai a "FORUM"?La conduttrice stravede per i cani.Ciao.

    RispondiElimina
  6. i nostri cani sono addestrati a non fare quanto dici rodolfo, sono super puliti e super vaccinati per legge, per questo chiedo aiuto e sostegno nella diffusione della campagna sul cane guida di blindight project, affinché si sappia e ci si tolga di dosso questi pregiudizi primitivi.
    e comunque non mi hanno voluta pure senza cane, per "paura" (la famosa "sicurezza") che mi facessi male, senza pensare quanto male ho dovuto incassare ad ogni loro rifiuto, e non sono l'unica cieca ad essere trattata così, ciao laura

    RispondiElimina
  7. Ma non sono assicurati?Comunque si fanno male tutti i palestrati,spesso perchè sono sbadati e vanno ad urtare contro qualcuno o qualcosa,un pò come andare a sciare:il pericolo maggiore è che ti vengano addosso gli altri!...Una persona "cieca" sta molto più accorta a non sbattere od inciampare,anche se gli atrezzi lasciati in giro da altri od addirittura lanciati sono tanti:si ha paura o meglio non si ha voglia di cambiare il modo brutale e sbadato che tanti hanno in palestra e così ci rimetti Tu.

    RispondiElimina
  8. Prova una volta ad andarci con accompagnatore per dimostrargli che sbagliano!Sai c'è da considerare che un fighrtto non va in una palestra frequentata da handicappati....li mortacci loro...Facciamoci una palestra e togliamogli gli euro del target del 20%(persone con disabilità,amici,parenti,simpatizzanti)e poi ci pregheranno di fargli da promoters i bastardi!Comunque la paura del calo di gente esiste effettivamente e non tutti i manager sono in gamba per far di una pietra di scarto una colonna portante del tempio...

    RispondiElimina
  9. Ops... errata-corrige:fighrtto=fighetto

    RispondiElimina
  10. lo sport dev'essere per tutti, odio i centri per disabili, sono ghetti.
    sono stata anche con accompagnatore, hanno tirato fuori, più di una volta, che non si prendevano la responsabilità ecc. ecc. sai che c'è rodolfo alla base? che uno su 100 ha il bagno e i locali a norma, questo è, quindi pensano che sia mai scivolo o altro potrebbero passare guai - come se uno che ci vede o cammina non può farsi male.. - (invece di dare le mazzette a chi gli rilascia le licenze e le autorizzazioni sanitarie potrebbero mettere a norma i locali, non credi?).
    rimane che in ogni parte d'europa il cane entra, accompagna guidando il suo padrone e aspetta seduto senza disturbare né sporcare nessuno e pensa che non ho mai chiesto di andarci in piscina, se volessi potrei ogni volta denunciarli, anche se non c'è un carabiniere o simile che conosca la legge sul cane guida, ma evito, sono stanca e umiliata per affrontare tutte le volte questa cosa (idem per i parrucchieri, estetisti, ecc. hai detto bene tu, li mortacci loro): l'italia è un paese troppo arretrato!!

    RispondiElimina
  11. L'Italia è un paese arretrato, ma paradossalmente si vanta di essere l'unico al mondo ad avere l'integrazione scolastica. Mi domando, ma questa integrazione scolastica (che non vi dico come è messa in pratica: lasciando spesso i ragazzini con hadicap nei corridoi) non dovrebbe poi promuovere l'integrazione sociale e lavorativa?

    RispondiElimina
  12. i soldi vengono distribuiti (pochi ma dicono che li danno) le regioni poi? ecco cosa succede: dicono sempre non ci sono i soldi, né per insegnanti di sostegno, né per ausili in classe (vedi ad esempio pc per disabili visivi e non solo), né per una giusta formazione di questi insegnanti di sostegno, perché un bambino in carrozzina ha alcune necessità diverse totalmente da chi non vede ecc. ma i soldi (troooppi) vengono anche dati alle associazioni di categoria che dovrebbero interessarsi a queste cose, invece?? non lo fanno con ciò che è obbligatorio, vedi la scuola, figurati con lo sport.
    francesca aveva chiesto di nuotare a bordo piscina, mica ha chiesto di fare una partita di pallanuoto!! le federazioni però devono regolarsi da sole, nessuno finora li ha informati, rassicurati su noi ciechi, ma per i sordi è uguale (vedi calcio ad esempio: tutti si fanno il problema di come può giocare a calcio un sordo, come sente il fischio di un arbitro? basta che alza una mano, i sordi hanno un campo visivo pazzesco, vedono pure dietro alle spalle momenti.. ma niente pure lì).
    alla blindsight project sai paola perché nessuno l'aiuta e vi facciamo un vero mazzo colo per volontariato? perché vogliamo abolire tutto questo buio, quello degli altri non quello dei ciechi, quasi tutti più luminosi e illuninati rispetto ai vedenti "normo" solo impauriti sia della disabilità che delle "responsabilità".
    l'uic fa le cene al buio coi politici, l'ens invece ha fatto una grande battaglia: non si chiamano più sordomuti ma solo sordi, pensa te!! scusate se sono lunga nelle risposte, ma c'è un mondo, il nostro di disabili sensoriali, sconosciuto e che mi fa implodere, qui trovo uno spazio per dire, per dare informazioni a persone come te e gli altri, sensibilissimi, attenti ma così all'oscuro per via di questi vecchi bacucchi che poco sanno di sport, di ausili, di scuola, di giovani, soprattutto di vita.

    RispondiElimina
  13. per i ciechi italiani c'è solo il centralino, per il quale l'uic si impegna così tanto a fare pure i "corsi", invece di integrarci nel lavoro: ciechi spesso laureati a passare telefonate a dementi ignoranti, sordi con capacità artistiche nelle arti visive spaventose ma tutti schiavizzati davanti a un pc o come autisti di ultimo livello, se sono fortunati e sempre a due soldi.
    se poi si parla di sport, ci sono le squadre di calcio per ciechi, o quelle per sordi (ghetti), chi scia e apre la pista a prodi ... ma quanti?? siamo così tanti e senza nessuno che ci tuteli: a me mancano solo i soldi, ma sono fortunata perché ho uno staf di persone magnifiche, preparatissime e piene di voglia di abbattere le poltrone in pelle disabile, come le chiamo io.
    colgo l'occasione per ringraziarli tutti, senza loro avrei fatto lo stesso qualcosa, ma con il loro volontariato abbiamo fatto quello che né uic né ens sono riusciti a fare con i milioni di euro a disposizione: INFORMARE TUTTI che esistiamo anche noi ciechi e sordi.
    questo blog è il mio spazio personale, ma sono disabile - dura da accettare in mezzo a questo vuoto e non sopporto che i giovani stiamo come me: l'uic e l'ens passano forse molti voti per rimanere così ferme a non far niente?? mi sa di si... un bel giro di quattrini, spesi da tutti gli italiani per i disabili, che a noi disabili però non arrivano mai e ne paghiamo tutte le conseguenze per l'assenza di informazione (la locandina sul cane guida l'abbiamo fatta noi di blindsight project, l'uic chiede solo soldi.. per farci pagare solo il 20 per cento in meno su un treno, ecc. ecc.)

    RispondiElimina
  14. La mitica fantozziana poltrona in "pelle umana di disabile" del megadirettoregalattico e' una realtà purtroppo;le grosse associazioni con a capo vecchi politici riciclati scambiano voti e silenzio con poltroncine e favori:la destra ci vuole o meglio ci voleva uccidere fisicamente,la sinistra mediaticamente(occhio non vede,cuore non duole,eheh),il centro(vati-canum in testa)ci uccide derubandoci dei pochi euri rimasti(della serie lo vuoi il ricovero,mi devi però pensione e appartamento intestato)e tutti s'intascano i finanziamenti europei e statali.Mortacci loro,anzi diavolacci loro pure a questi...

    RispondiElimina
  15. Ho passato decenni a proporre validissiume idee socialmente valide,profique economicamente e mediaticamente ,il tutto aggratisse,ma ciccia:non le vogliono proprio i politici se non fai parte del loro giro massonico di merda,o se superi la loro nullità che verrebbe sputtanata!!!

    RispondiElimina
  16. rodolfo non devi mai perdere il coraggio di continuare: non gliela diamo vinta a chi lucra su di noi facendo silenzio o rinunciando ai nostri diritti, semmai denunciamo (almeno fino a quando la rete è libera) cosa succede, chi sono le grandi associazioni di categoria per disabili, cosa arriva a noi dei soldi che tutti gli italiani pagano convinti di farci star meglio, ecc. ecc. la blindsight project nasce per questo, per far sapere cose che chi prende fondi e magna non può dire, a me del denaro poco importa, anzi sono famosa per quanto non lo abbia mai considerato, per questo resisto nonostante le guerre che mi fanno da quando ho fondato la onlus (non hai idea di cosa sono stati capaci di fare, sia politici che associazioni che non vogliono che rompa le uova nel paniere..).
    in questo spazio del tutto personale perdo l'ufficialità di una figura che, anche se completamente diversa da tutti gli altri presidenti - devo comunque mantenere in pubblico: qui dico ciò che voglio e spero che di persone come te ce ne siano sempre di più, affinché non si facciano polemiche su uno che corre con una gamba in titanio o francesca che nuota (possibilmente in prima corsia), ecc., ciao buona giornata laura

    RispondiElimina
  17. Che schifo!
    Il vero cancro dell?italia è l'ignoranza, la conseguente superbia e la mancanza voglia di lavorare. Le cose non si fanno e se si fanno si fanno male.
    Lavoro da circa 7 anni con bambini con handicap cognitivo e con le loro famiglie: la situazione nelle scuole, nella sanità e nei servizi pubblici è a dir poco scandalosa!

    RispondiElimina
  18. soprattutto si lucra dove si può! il desiderio di troppi di far finta che tutto vada bene, quindi meno si parla di chi ha disagi meglio è, questo è un altro cancro: meglio sapere com'era vestita una demente di conduttrice o con chi sta l'ultimo "bello" di qualche squallida tv (sempre italiana ovviamente) piuttosto che occuparsi e preoccuparsi della realtà, combattere pregiudizi e far valere i propri diritti e non c'è stato un governo che finora non ne abbia approfittato, rendendo questo pseudo paese una squallida rivista piena di pubblicità e gossip, anziché un luogo che ha storia da vendere (manco tutta da cancellare)

    RispondiElimina
  19. http://blindsight.eu/notizias/135 da leggere per capire come siamo trattati (dalla scuola, soprattutto con questo governo e le sue "riforme" di tagli)

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT