NUMERI VINCENTI E VUOTO A PERDERE


Vincere al lotto o superenalotto forse è più facile di quel che si pensa. Sogno cose strane da giorni, luoghi vissuti o altri in cui non sono mai stata ma che conosco bene nel sogno, parlo con morti che ho conosciuto anche da vivi, che mi parlano, ne sento l'odore e quando mi toccano avverto le loro mani tra le mie, o tra i capelli. Ma sogno anche altro, ad esempio qualcuno che non sento né vedo da anni. Mi sveglio poi con numeri in testa e sono già svariate volte che escono, ma io non ho giocato (come una demente).
Penso che vincerà il mega jackpot del superenalotto chi sarà scelto da chi comanda e che nulla ha a che fare con i miei amici morti o ancora vivi ma sognati in dimensioni molto simili a un quadro di Dalì (che adoro): un bell'affare che porta tanti soldi ogni giorno, un modo come un altro per togliere soldi a chi non ce l'ha e spera di diventare molto ricco, insomma l'illusione del momento per tanta gente. Il lotto invece mi sembra meno corrotto, anche se avrò giocato al massimo due o 3 volte in vita mia e sempre con qualcun'altro, senza vincere mai, almeno così mi dissero. Ora invece una quaterna e un terno li ho sognati si in questa settimana, ma li ho persi perché mi sono persa io e non ho giocato. Non è colpa mia. E' difficile capire che si è svegli a volte quando si vede la stessa cosa davanti agli occhi da ben sei anni: ho bisogno di realtà, non mi accetto proprio e mi sento troppo nel vuoto, sempre di più, ma nessuno capisce, avrei bisogno di qualcuno che mi dia realtà.
Forse chi lo farà, giocherà con me e vincerà? Non lo so, ho solo numeri in testa sospesi nel vuoto, come me..
Seguono due poesie di Pessoa (il mio preferito) che spiegano meglio il mio stato d'animo, ma anche altro:

Furtiva mano di un fantasma occulto
fra le pieghe del buio e del torpore mi scuote,
e io mi sveglio, ma nel cuore
notturno
non trovo gesto o volto.

Un antico terrore,
che insepolto
porto nel petto,
come da un trono
scende sopra di me
senza perdono,
mi fa suo servo
senza cenno o insulto.

E sento la mia vita di repente
legata con un filo di Incosciente
a ignota mano diretta nell'ignoto.
Sento che niente sono,
se non l'ombra
di un volto
imperscrutabile nell'ombra:

e per assenza esisto, come il vuoto.

*****


Tutto ciò che vediamo è qualcos'altro.

L'ampia marea, la marea ansiosa.
È l'eco di un'altra marea
che sta laddove è reale il mondo che esiste.
Tutto ciò che abbiamo è dimenticanza.
La notte fredda, il passare del vento
sono ombre di mani i cui gesti
sono l'illusione madre di questa illusione.

5 commenti:

  1. Eddai, giocali quei numeri!

    RispondiElimina
  2. laura io gioco da un mesetto con un amico, caro, più per la scusa di sognare insieme che per altro, gioco solo un euro perchè sono convinta che se devi vincere vinci anche così, una volta però mi sono giocata i numeri del mio conto corrente, pensa che persino in banca lo sanno a memoria (sono quasi tutti napoletani), e sono usciti non ho vinto un granchè ma mi sono divertita lo stesso

    per il resto è un po' che ti leggo più malinconica che combattiva, amica mia, mi sento in colpa per non riuscire ad esserti vicina come vorrei, per ora ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  3. Cara Laura, la parte che più conta per te in questa vita è la tua capacità di interagire con l'altra realtà. Per quello che so, le anime come te, non vinceranno mai al lotto perchè hanno già vinto tutto ciò che conta realmente. I soldi vanno soprattutto a chi è vuoto di tutto il resto.
    Bisogna rendersi conto che questa realtà non ci appartiene, anche se capisco il bisogno di soddisfare desideri pratici ... di tutti i giorni, che a volte pensiamo siano importanti, ma che in realtà non lo sono realmente se guardiamo l'insieme ....

    Anche io a volte gioco al lotto e qualche volta ho anche vinto (cifre non importanti) e anche a me è capitato di non giocare dei numeri che poi sono usciti, ma questo capita a persone che non credono né nei soldi né nelle facili vincite.

    C'è un disegno in tutto questo e non è un disegno che interessa l'umano.
    Un caro e tenero abbraccio.
    Marco

    RispondiElimina
  4. sono malinconica perché non posso mangiare tutto quello che mi mangiavo prima: scherzo (fino ad un certo punto :) non avere sensi di colpa con me patty, tu proprio no! comunque mara ha giocato un mio amico, ma come dicevo penso che il super premio andrà probabilmente a chi (e chi per lui) promette ma i soldi li mette in altre parti (vedasi case in abruzzo..).
    caro marco mi scrivi sempre delle cose bellissime e vere, grazie per la comprensione, a volte mi intristisco anche per la mancanza di comprensione (ad esempio ho sentito prima il recentissimo terremoto in indonesia.. ma se lo dico prima mi prendono per matta) quindi non è facile.
    a volte mi sono sentita usata per queste capacità, molto più spesso incompresa, un abbraccio forte a te e alle carissime patty e mara (mi ricorderò di voi se dovessi vincere ;)

    RispondiElimina
  5. Era il 1983 quando uscii dalla coda di coloro che stavano tentando la fortuna giocando una schedina. Mentre aspettavo il mio turno li guardai: e annusai il loro odore. Era un odore di fallimento. Di una vita senza ormai più speranza né sogni né ideali per cui potesse valer la pena combattere.

    Ero giovane e, mi dissi: la vita è là fuori. Se davvero vali appena un poco più di costoro, nel bene e nel male la tua vita te la giochi col lavoro e butti nel cesso questa schedina e tutte le lotterie.

    Così feci e vinsi.

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT