BALENA MNEMONIC A PRAIA A MARE

Che sento dentro me questo mare e i suoi abitanti non è più un mistero: dai sassi, a un fiume al mare stesso, ecc. tutto mi parla. In questi giorni ho tantissimo lavoro e non potendo prendere appunti con una penna su carta, come facevo da vedente, mi ritrovo con la memoria satura. Senza saperlo, visto che doveva ancora succedere quanto leggete sotto e vedete o ascoltate nel video, avevo scritto in una mail a mio figlio che mi sentivo 'così carica di dati in testa come Johnny Mnemonic in attesa del delfino..',  è invece successo il contrario stavolta, quindi un cetaceo mi ha forse trasmesso molti dati pur di liberasene. Purtroppo non sono belle cose quelle trasmesse da chi vive nei mari e approda qui, su queste spiagge, questo solo volevo dire..
Ecco io piango per queste cose:
"5 marzo 2010 - Sarebbero stati l’inquinamento magnetico e quello chimico-tossicologico a causare la morte del capodoglio ritrovato questa mattina in Contrada Fiuzzi, sulle coste di Praia a Mare, a pochi chilometri da Maratea. Sul posto sono immediatamente giunte le autorità sanitarie, i vigili urbani ed i carabinieri che hanno circoscritto l’area per motivi di sicurezza. Lungo 11 metri, il cetaceo presenta numerose ferite provocate dall’urto con le scogliere, ma sarebbe arrivato sulla spiaggia già morto. Le prime analisi, infatti, rivelerebbero che il decesso risale ad alcuni giorni fa." (Fonte)
IL VIDEO

11 commenti:

  1. spero non sia un'altra mia fantasia quella di morire qui, sull'isola a 98 o 99 anni "guardando" le balene: i fatti mi dicono che potrebbe finire tutto molto prima..

    RispondiElimina
  2. Laura, non sono fantasie, se dovessi descrivere quello che sento, che percepisco, mi prenderebbero per pazzo. Ma per capire è sufficiente sentire le grida della natura e il dolore di chi perde i propri cari sepolti dai terremoti e dalle frane.
    Ai veleni della terra e dell'aria non c'è scampo. Quindi non è una previsione astratta che tutto potrebbe finire molto prima ...
    Abbracci.
    Marco

    RispondiElimina
  3. Le nostre coste sono troppo militarizzate (mi riferisco all'Italia intera, soprattutto dal centro al sud!), oltreché inquinate sia in terra, che in mare fino all'aria: il disorientamento che avverto, soprattutto in alcuni giorni, è lo stesso che avvertono i cetacei, i piccioni, i pipistrelli..
    difficilmente questi animali muoiono se non di vecchiaia in un habitat naturale e non devastato dall'"uomo", quindi se stramazzano 100 piccioni a terra in un attimo e pochi giorni dopo nella stessa zona si spiaggiano circa 9 balene forse non è colpa delle "mareggiate"!! Idem per questo esemplare che è arrivato qui a due passi da casa mia, massacrato da effetti innaturali, per avvertirci di qualcosa che difficilmente sarà recepita da molti degli abitanti qui. Siamo in due ad essere "pazzi" non hai idea di ciò che ho dentro.., ciao Marco, grazie per esserci

    RispondiElimina
  4. c'è qualcun'altro che ha capito l'importanza di questo episodio:
    LEGGI QUI un altro post sulla povera creatura ..massacrata!!

    RispondiElimina
  5. ciao laura - ecco un po la storia che ho cercato di ricostruire sull'
    inquinamento di Praia a Mare da parte dell'ENI e di altre ditte. Ciao - buon lavoro e buon 8 marzo!

    RispondiElimina
  6. di praia a mare (o praja come amiamo scriverla ancora in pochi) ogni tanto parlo qui, ma per me parlarne è come per chi parla di chi ama infinitamente ma ha un cancro: ci si chiede continuamente "quanto durerà ancora? troveranno una cura nel frattempo?" la cura a praja c'è, basterebbe solo educare e sensibilizzare tutti gli abitanti (tutti!), basterebbe far capire a molti di loro chi è praja realmente, molti non ne conoscono le origini, tanti mi rispondono che "l'isola 'di' dino si chiama così per via di agnelli e ferrari.." mentre da una mia ricerca sono arrivata a queste spiegazioni:
    PROBABILE STORIA DI PRAIA A MARE.
    ti avevo già linkata una volta, lo avevo fatto IN QUESTO POST perchè ogni tanto leggo il tuo blog molto interessante e vero (oltre al mio lavoro cerco solo realtà nel web, mi basta essere cieca per immaginare tutto).
    non hai idea di come sento dentro me questo luogo, questo angolo di Terra meraviglioso ma non sai pure quanto sento dentro me il "dolore" che qui vibra così forte nell'etere fino a disorientare cetacei... una signora anziana di praja mi ha raccontato di quando venivano a piedi da altri apesi pure lontani fino a praja, dormivano sulla spiaggia, facevano un grande mercato con tanti animali e facevano festa alla madonna della grotta che portavano in mare d'estate.. lo facevano con i delfini e con le tartarughe: inutile dire che è sopravvissuto solo chi non ha avuto a che fare con la marlane! alcuni morti altri rimasti come vegetali, ed è troppo facile la diagnosi di "ictus", così come è spicciola la "menopausa" per tante donne con cancro alla tiroide..!
    questa balena, tra commenti inascoltabili di alcuni (basta sentire altri video sull'episodio per rendersene conto: frasi agghiaccianti per quanto ignoranti!), è stata sepolta così come hanno sepolto e continuano a seppellire tanti umani, ed ora sotto la sabbia non ci sono più le uova delle tartarughe ma solo tanti crimini che vanno assolutamente riesumati. ciao grazie, laura
    p.s.: ora scrivo nel post di praja e dionea il vero motivo per cui gli abitanti qui non vanno al mare il giorno in cui trasportano la madonna (pure questo lo saprà uno su un milione..)

    RispondiElimina
  7. Leggete "Il quinto giorno", di Carl Shatzing (o con un nome del genere).
    cugigio

    RispondiElimina
  8. avevo cominciato a leggerlo, meglio dire per me ascoltarlo, mi piace molto, solo che non riesco a leggermi la fine (sono arrivata al disastro in mare), grazie anche per la canzone dei beatles che mi traduci in altro post, ciao laura

    RispondiElimina
  9. "Il quinto giorno" l'ho letto quasi due anni fa e di disastri in mare in quel libro ce n'è più d'uno. Non so quindi rendermi conto a che punto sei arrivata con l'ascolto. Ti sei fermata perché non hai tempo? Ti incito vivamente ad andare avanti e finire sto bellissimo libro. E' stato peraltro scritto con il supporto scientifico di una sfilza di biologi marini, chimici e fisici lunga da Praja Mare fino a Cesenatico seguendo la costa...
    Per quanto riguarda la canzone ho riverificato che il collegamento a youtube non scatta automaticamente cliccandoci sopra. Per sentirla bisogna fare il copia incolla sul browser. Non so perché ma va così. So che oggi non hai avuto il tempo di farlo, ma ascoltando le parole con la musica sotto è... tutta un'altra cosa. Ringraziamo John per questa meravigliosa canzone, che avresti potuto scrivere tu. Fu infatti un altro dei tuoi post a evocarmela immediatamente, ma non sono riuscito più a rintracciarlo.
    Chissà che un giorno non te la canti io!
    Un abbraccio
    Gio

    RispondiElimina
  10. non riesco a finire il libro solo per mancanza di tempo: ho letto fino a quando alcuni vengono uccisi dalle orche mentre erano in barca, sinceramente sono riuscita a leggere mentre ero in treno, appena scesa un casino di cose da fare.
    la canzone che hai messo su "il volo dell'aliena esploratrice" si sente e l'ho ascoltata come dici, poi c'è un modo per linkare anche tra i commenti, ma visto che ancora non riesci a loggarti qui evito di dirtelo ;)
    un abbraccio, laura

    RispondiElimina
  11. Evidentemente so' de coccio!
    PS
    ma non c'ho neanche provato a loggarmi con il mio nuovo account gugol. So' pigro!!! E' così comodo fare l'anonimo... eh! eh! dài che una volta che ho tempo per impallarmi con ste nuove esperienze informatiche schianto anche questa. 'notte Laurè
    topocugigio

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT