GUARDAMI NEGLI OCCHI!

Esseri belli cosa vuol dire? In Italia vuol dire tantissimo, fuori di qui molto meno, infatti il finto spot nel video di seguito non è italiano, anzi in questa nazione bacchettona è stato pure criticato, con tutto il pornotrash però che offre e permette in ogni tv! Le italiane belle dove sono? Italiane finte, frigide, rifatte, depresse e scoppiate, fobiche senza femminilità, senza più nulla di naturale, assuefatte da farmaci o droghe come antidepressivi o dimagranti, e gli uomini? Fanno bene a sottometterle o a non considerarle (io sto fuori dal mucchio di sceme da sempre, parlo quindi per le tante che fanno numero con me in quanto "femmine" all'anagafe) fanno bene a ridicolizzarle e usarle come bamboline con culi a zaino, prodotti col bisturi per somigliare sempre di più ai culi maschili, che agli uomini piacciono tantissimo.. sempre di più pare, le uniche a non capirlo sono queste dementi attaccate allo specchio ma prive di femminilità, caratteristica questa sempre più frequente purtroppo tra i "maschi" ormai.
"Chi non ha ancora compiuto 18 anni, non potrà sottoporsi agli interventi di chirurgia estetica per rimpolpare il decolté." Questa è una delle "battaglie" vinte dalla nostra anoressica ministra Carfagna che, anziché preoccuparsi di cose forse un po' più urgenti (non le elenco, sono troppe rispetto a quanto contenuto in questo disegno di legge approvato dal CDM) ovviamente rivolge l'attenzione verso quanto le è più facile comprendere: la chirurgia estetica, chissà forse usata da lei al contrario, considerando le forme che aveva prima di diventare ministra..
Non ho nascosto di essere una delle tante donne che che un giorno si sono addormentate con un'anestesia sotto il bisturi di un chirurgo plastico: io il seno l'ho ridotto tanto tempo fa, ero ancora giovane ed era così bello che non potevo lavorare, non potevo far niente in una società di occhi sempre puntati lì, pure con una dolcevita erano puntati lì, sul mio seno che fulminava tutti, squagliava le lenti degli occhiali di chi s'imbatteva in quel seno anche da lontano, soprattutto rincoglioniva alla grande tutti, ed io mi sentìi così "disabile" che dovetti pregare un chirurgo per portarmi almeno ad una normalissima terza (lo dovetti pregare perché avevo un seno veramente bello e secondo tutti era un peccato metterci le mani con un bisturi.. semmai le mani le avrebbero messe in altro modo tutti quanti).
Ovviamente sono d'accordo con la legge, era ora che si proibisse a tante madri italiane di fare delle proprie figlie dei giocattoli, perché 99 volte su 100 sono proprio i genitori, madri soprattutto, a spingere le adolescenti sotto il bisturi per diventare .. niente, perché ogni cosa finta non esiste, così come non esiste la bellezza, di cui ho già parlato, visto che mi perseguita di essa il senso errato che tutti le danno. Se avessi avuto le "protesi" della Cotillard nel video forse avrei ancora la mia quasi quinta sui miei attuali 66 di vita, forse mi sarei risparmiata però pure un intervento molto doloroso, a cui fui costretta per la sessuofobia di questa nazione di maiali, bravissimi a stuprare, incapaci di avere un'erezione senza farmaci, o di "veline" o aspiranti tali (per me sono veline anche tante "attrici" o "conduttrici" italiane), bravissime a fingere orgasmi ma incapaci di tutto, se non di gossip o shopping, pagato ovviamente a rate o con l'aiuto di qualche impotente esibizionista .
Non infierisco oltre sulle povere italiane, bastano tutte le europee a prenderci in giro ogni giorno: peggio delle talebane ci considerano all'estero, quindi risparmiatevi bisturi e vestiti, inutili ve lo assicuro in un'epoca che ha bisogno di donne vere, le uniche capaci di sentire in mezzo alle macerie il pianto di un figlio, come un cane da lavoro, perché avremmo un istinto noi femmine, qualcosa di primordiale che da sempre spaventa a volte anche noi stesse. Pensate ai figli, pensate al gran casino naturale (e non) che il pianeta sta vivendo, considerate che sotto le macerie, del vostro bel culo o belle tette, della vostra borsetta, del vostro tacco-tower .. non ve ne farete nulla, anzi .. ostacolereste solo i soccorsi col vostro silicone o botox: un cane non vi fiuterebbe mai e i vostri tacchi-tower saranno rimossi da una ruspa.
Nessun uomo vi raccoglierà se cadete, anche perché gli uomini guardano, non agiscono e se lo fanno, senza una guida "materna", combinano solo casini: lo dimostra Terra e le sue condizioni di salute. Spero di non aver offeso nessuno, questo mio post vuole soprattutto dire una cosa a tanti: guardatevi dentro, ad esempio io quando amo qualcuno lo faccio se mi fa innamorare da dentro, fuori per me è tutto.. niente, seguite il mio esempio quindi se aspirate anche voi a quell'eternità che (non a caso) mi appartiene.
Nel video che segue una donna che non riceve mai uno sguardo, ma ha solo occhi puntati sulle tette, alla fine attacca sopra gli occhi finte tette pur di farsi guardare negli occhi (altre info qui)
IL VIDEO DELLA COTILLARD

10 commenti:

  1. ciao Laura , mi trovo d'accordo con quello che scrivi.. come te penso che l'italia avrebbe diverse cose da risolvere prima delle protesi al seno delle minorenni ma allo stesso tempo la trovo una triste necessità. Quanto impegni e tempo passati x apparire mentre dentro di noi il vuoto ci divora.. e così penso ma se ci amiamo così poco, perché il voler essere solo belli non vuol dire amarsi, come si può pensare che si possa amare il nostro paese? Ci si adoperi per questo? prima è poi questo benessere fittizio finirà e le protesi serviranno a poco.

    RispondiElimina
  2. in realtà chi veramente ama il "paese"? sono reduce dalla magniica puntata di report, momenti mi strozzo perché stavo mangiando mentre ascoltavo lo schifo.. di questo "paese", però domani miliardi di pagine di carta stampata diranno qual'è il miglior modo per togliere una ruga o qual'è il tacco più glamour, oppure diranno delle ultime accuse alla giustizia di un premier che si diverte, che gioca, che scherza.. mentre milioni di donne stanno come me, come te, come tante altre (comprese le rifattone, sempre in ansia per paura di un probabile "crollo").
    la cosa assurda è che in italia hanno dovuto proibire e farne una legge, queste sono le donne o le mamme italiane?? facciamoci sentire anna, siamo troppe a vivere una realtà diversa da quella che propinano quotidianamente ovunque! ho avuto amiche che non pensvano, e forse ancora non pensano, ad altro se non alla propria estetica, alla propria facciata, pur essendo belle donne, probabilmente solo fuori: ecco l'italia, ammesso che esista, non è fatta di queste persone, non è fatta solo di bulli adolescenti, così come non è fatta solo di mafiosi: in questo posto dell'europa chiamato italia ci sono donne belle anche dentro, come te ad esempio, bambini violentati o venduti per una rata di mutuo, che diventano aggressivi (non bulli) e uomini che sono rimati senza lavoro, con una laurea forse, inutile però in una nazione dove vincono solo l'indifferenza e l'illusione.
    il "benessere" non esiste più cara mia, dovrebbero capirlo anche quelle che ancora si illudono di essere "fighe", così come dovrebbero quegli uomini che si vantano della loro "squalaggine" o "squalità" (come vuoi, sempre squali sono).
    questo paese è governato da troppi vecchi o giovani squali, c'è bisogno di cambiare, forse ce la faremo: da queste elezioni dipende un po' la sorte anche dei nostri figli: un voto sbagliato e le prossime generazioni ne pagheranno le conseguenze senza averne colpa, ciao, non avevo dubbi che tu avresti condiviso (ma non hai idea di quanti e quante si saranno sentiti "toccati" nel vivo..).
    del resto, da spirito libero, dico ciò che penso: che chi può e chi non può, io può :)

    RispondiElimina
  3. ho fatto un casino di errori, non rileggo e vado a 3000 :) ma si capisce lo stesso (comunque c'è sempre chi può e chi non può.. io può pure questo :))

    RispondiElimina
  4. Cara Lura, come sempre hai centrato il dilema che affligge la maggior parte delle donne di questo paese in particolare. In questo mondo virtuale, dove anche il pensiero è un surrugato del petrolio, tra non molto per la strada vedremo solo mummie plastificate.
    Per poter riscoprire che la vita malgrado tutto è ben altro, si dovrebbe fare un passo indietro almeno di 50 anni.

    Abbraccio.
    Marco

    RispondiElimina
  5. caro marco c'è anche da dire che se molti uomini continuano a vedere e guardare solo un corpo e mai la mente, ci saranno sempre tante donne disposte a tutto pur di avre il corpo migliore.
    lo spot della cotillard sensibilizza su questo aspetto: non solo tette ma anche testa, quella cosa che spaventa da sempre soprattutto l'universo maschile (ne so qualcosa io).
    50 anni fa, quando sono nata io praticamente, non era molto diverso, c'era meno chirurgia plastica, meno apparenze, ma si viveva anche un momento di completa illusione quale il boom economico, durato così poco in italia da rimanere leggenda: più vai indietro e più ti accorgi poi che per noi donne è sempre stata dura, forse prima e subito dopo il diluvio era diverso ma chi può dirlo a parte le poche testimonianze scritte su tavolette sumeriche? il fatto è che mentre un astronauta giapponese filma la luna e invia un video su youtube, qui stiamo ancora in piena inquisizione, voluta e mai evoluta da pochi uomini che comandano ed hanno sottomesso quasi tutto l'occidente, soprattutto questo atomo di terra chiamato italia.
    sai che lura è una cantante brasiliana che mi piace molto? ;)
    ciao, abbraccio anche a te a presto laura

    RispondiElimina
  6. Più ti conosco, più ti stimo.

    RispondiElimina
  7. aries ti rispondo con una frase che in questi giorni mi sento dire molto spesso, forse molto calabrese, visto che altrove non si usa quasi più, ma rende l'idea e non me ne viene un'altra: è un onore averti conosciuto

    RispondiElimina
  8. Quello che hai scritto è verissimo...il problema è che non si migliora mai il "cervello"...e non resta altro che l'involucro.
    Un caro saluto, sempre piacevole/interessante leggerti.
    Ciao Vania

    RispondiElimina
  9. molto spesso il cervello lo formiamo proprio noi donne: se insegnassimo tutte a i nostri figli maschi come comportarsi non ci sarebbe questo csino, allo stesso modo se insegnassimo alle nostre figlie femmine a leggere un libro anziché solo riviste di gossip e moda queste a loro volta crescerebbero maschi meno incasinati di testa e meno vuoti.
    ciao vania, grazie a presto

    p.s.: agli orbi: ho dovuto mettere il captcha, che comunque qui su blogger è audio e in italiano, quindi accessibile: non posso passare un'ora a cancellare spam

    RispondiElimina
  10. Cara Laura come sai, condivido le tue valutazioni, e il riferimento ai 50 anni era diretto a quei valori che in questa società si sono praticamente persi. Poi che la donna è discriminata da sempre è un dato di fatto. Ma se gli uomini continuano a vederla prevalentemente attraverso le tette, ignorando l’intelligenza, le donne hanno le loro responsabilità, perché fanno davvero poco per educarli al rispetto verso la donna. Rispetto in quanto persona e non oggetto. Purtroppo la stragrande maggioranza delle mamme, quando si tratta dei loro figli, li vogliono virili e dominatori …. quelli degli altri accondiscendenti e anche un po’ stupidini per poterli dominare meglio. Insomma il serpente che si morde la coda.
    Quindi se gli uomini sono così pieni di limiti e complessi verso le donne, non è tutta colpa loro.

    E non credo di affermare delle inesattezze perché a provarlo è la storia …. antica e moderna.
    A me, per esempio, non risulta che le mamme educano i figli a ripudiare la guerra ….. allo stesso modo non insegnano al rispetto verso l'altro sesso ….
    Il non rispetto i ragazzi lo apprendono soprattutto in famiglia …. è triste ma è la verità.
    Del resto anche tu ammetti che dietro le donne giocattolo ci sono le mamme. E sono loro ad indirizzarle verso la grande illusione dell’immagine al silicone a tutti i costi.
    Un tema lungo e complicato quello della donna ... riguarda l’intero pianeta. Cina compreso. Patria millenaria in cui la donna purtroppo conta anche meno che in Occidente.
    La cantante brasiliana non la conosco, ma per il solo fatto che si chiama Laura … dire che piace anche a me, non rende esattamente l’idea.
    A presto. Marco

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT