VIAGGI SOMMERSI

Quando ho perso la vista, iniziai a muovere i primi passi in mezzo alla folla di Roma, attaccata al mio giovanissimo Artu, il mio templare cane guida che, con le sue croci cucite sulle spalle, si insinua nei disastri degli umani come una pantera (auto sulle strisce, spazzatura, pedoni che ci vengono addosso, cani sciolti, biciclette sul marciapiede, ecc.), trascinandosi dietro una croce come me da anni.
Gli unici che non mi venivano addosso erano i ragazzi senegalesi che vendevano cd su uno scatolone ai bordi del marciapiede, e non solo: mi regalavano sempre la musica, avevano molto rispetto per la mia disabilità e per il mio ausilio vivente, erano loro ad avvertire i "bianchi" più ciechi e disorientati di me che stavo passando io, una cieca col cane guida. Loro lo capivano e mi vedevano, tutti gli altri no, anche per questo ancora dubito di esistere a volte, mi dico "Possibile che sono invisibile a tutti mentre io sento tutto dentro? Ma non sarò morta e ciò che tocco è tutto un film mio??". Il mio solito atroce dubbio, quello che mi passa solo in riva al mare dove dimentico lo specchio, il mezzo che avevo che raggiungere la realtà di me stessa, da lì "parto" quindi rilassata per "viaggi" straordinari in cui mi ritrovo immergendomi in Akakor per arrivare ad Angkor, è quanto provo in questo mare. Di seguito un brano che mi fu donato da un ragazzo alto due metri che mi disse ""Ti do la tua musica, questa è musica in cui stai tu", e poi il video, girato da me ieri, con Artu che ascolta suoni dai sassi della spiaggia, suoni che sento anch'io con le mani, se le appoggio su questi sassi che stringo forte e che mi trasmettono tanto affetto, li sento familiari come le mani di qualcuno che amo, suoni che solo i ragazzi senegalesi conoscono, per questo non sbagliavano mai un cd con me, oltre a vedere in quell'oltre che vedo io da quando ho perso la vista. E pensare che, tra i dementi che non mi vedono da anni, c'è chi li tratta come bestie: quante cose dovrebbero invece imparare gli "italiani". In questo mare c'è gente che, quando emigrò per bisogno, fu trattata peggio degli eleganti ragazzi senegalesi qui, in troppi però lo hanno dimenticato, in tanti si illudono di vivere in una "regione" anziché in un continente, o meglio ancora, su un pianeta.
La musica è bella quando diventa un'astronave: questo brano per me è un'astronave a forma di gondola, affusolata al punto di riuscire a percorrere tunnel strettissimi, quelli che sentiamo io e Artu sotto i sassi, quelli di cui le onde riportano un'armonica eco.


VIDEO IMMERSIONE



VIDEO MARE

2 commenti:

  1. Con piacere ho ascoltato che sei uscita dalle precedenti vasche e sei ritornata al rumore del mare. E' molto bello quel breve video. un saluto francesco

    RispondiElimina
  2. questo mare è il più bello del mondo per tanti motivi che so io, il caso mi ha portata qui, il caso mi portò in una vasca, per caso ne uscii, ma poi uscita dalle vasche? per caso c'è cascato il cellulare e senza una voce che mi guida non sono niente, o meglio divento una potenza come sciamana ma nessuno nel mondo matrix.
    vivo questa fase "astrale" perché non ho sintesi vocale sul cellulare dove c'è calendario, agenda ecc. e sto combinando dei casini inenarrabili con gli impegni che avrei.. io poi già sono un casino di mio per queste cose: mettimi sui sassi a parlare col mare e ti dico quello che succederà tra due secoli, mettimi nel mondo reale senza un componente (la sintesi vocale) e sono un casino.
    ciao e buona domenica francesco, saluti anche a te

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT