DISABILITA' E DISABILITAZIONE: VIDEO LAURA RAFFAELI (CALABRIA RADICALE)

Relazione di Laura Raffaeli (dirigente di Calabria Radicale) all'Assemblea Straordinaria Calabria Radicale del 19-20 giugno 2010 (LEGGI TUTTO).
"DISABILITA' E DISABILITAZIONE: DALLA SICUREZZA SULLE STRADE A QUELLA DOMESTICA" proposte per la Calabria riguardo le donne, i giovani e la sicurezza stradale (di Laura Raffaeli)
clicca qui per DISABILITA' E DISABILITAZIONE: VIDEO LAURA RAFFAELI (CALABRIA RADICALE)

3 commenti:

  1. ciao Laura, ho appena letto il titolo della notizia e mi sei venuta in mente ;)

    Il Giornale di Brescia del 03-07-2010

    Auto per ciechi. C’è il prototipo

    WASHINGTON. Negli Stati Uniti sarà pronta a breve la prima automobile per ciechi. Che terrà la sua prima esibizione il prossimo gennaio nientemeno che nello Speedway di Daytona prima della celebre 24 ore. Il progetto è stato annunciato ieri dalla National Federation of the Blind e dal Virginia Tech che, in collaborazione, hanno sviluppato il prototipo, dotato della tecnologia necessaria per consentire a una persona non vedente di guidare autonomamente un’auto.
    La tecnologia realizzata dai ricercatori è basata su un sistema chiamato «nonvisual interface» (interfaccia non visiva). Utilizza particolari tipi di sensori in grado di trasmettere alla persona alla guida segnali tali da metterla in grado di percepire l’ambiente circostante. «Stiamo esplorando aree finora inesplorate - ha commentato il presidente della National Federation of the Blind, Marc Maurer - allontanandoci sempre più dalla teoria secondo cui la cecità annulla la capacità di una persona non vedente di integrarsi nella società».
    Il finanziamento del Ministero della difesa
    Gli scienziati e gli studenti del Virginia Tech hanno cominciato a realizzare il nuovo veicolo fin dal 2007, nell’ambito di un concorso annuale - finanziato dal Ministero della difesa americano - chiamato Darpa Grand Challenge. Si tratta di una competizione tra team universitari chiamati a realizzare veicoli senza pilota. In quell’occasione la squadra del Virginia Tech vinse il terzo premio, ma continuò negli anni successivi a sviluppare studi sul veicolo. La Federazione Ciechi d’America chiese allora al Virginia Tech di proseguire nella loro ricerca per realizzare, appunto, un’auto per non vedenti. È quella presentata oggi.
    Guanti speciali e un sistema di «soffiaggio»
    Dotata di microcamere a sensori laser, l’auto per ciechi prevede collegamenti diretti con una speciale tecnologia denominata DriveGrip, che prevede l’utilizzo di guanti speciali per chi è alla guida. Un’altra tecnologia, denominata AirPix, "soffia" sulla persona alla guida fornendogli una sorta di mappa dello spazio circostante. In base a queste informazioni, i guanti, che sono collegati agli "occhi" e ai sensori della vettura, trasmettono poi vibrazioni particolari al guidatore, avvisandolo quando e dove svoltare.
    Il progetto del prototipo è stato presentato ieri a Baltimora, dove ha sede la Federazione Ciechi. Il prossimo gennaio la nuova tecnologia sarà montata su una Ford Escape appositamente adattata e un pilota non vedente (di cui non è stato fatto il nome) si esibirà nello Speedway di Daytona prima della omonima 24 ore, denominata oggi Rolex 24.

    RispondiElimina
  2. pensavi che il pilota di cui non si fa nome fossi io? :) si ho letto dell'auto e se ne parla da un bel po', ovviamente in italia arriverà dopo il terzo millennio (forse).
    pensa che qui da noi sono vecchie anche le versioni di jaws (il programma parlante per noi ciechi per il pc) questo nonostante l'italia sia tra i pochi paesi che lo fanno pure pagare, quindi noi paghiamo (migliaia di euro con un rimborso di soli 600 dalla asl.. esclusa quella calabrese che manco rimborsa più!) per avere un ausilio non aggiornato (traducono in italiano le ultime versioni sempre quando sono già uscite quelle nuove!).
    comunque hai fatto bene a pensarmi: appena posso vado negli usa per questa macchina, già preso contatti... figurati se mi l ascio scappare un'occasione così!
    ciao grazie a presto, laura
    p.s.: se ci sono casini,errori e orrori in quanto scritto è colpa di questo portatile con micro-tastiera per le mani degli gnomi ed anche della connessione a chiavetta che è un cesso (noi ciechi in italia non abbiamo manco agevolazioni per queste cose, solo il 4% d'iva su prodotti di telefonia e informatica, applicato sempre a cacchi loro, ecc. ecc.) insomma ... ci sono tante di quelle cose da portare in italia e ce ne vuole qui per poter parlare dell'auto per ciechi! qui gli italiani ancora manco conoscono la legge sul cane guida!! oppure rimangono stupiti se un cieco si muove da solo...: in italia ancora non abbiamo manco un bancomat parlante!!!

    RispondiElimina
  3. dimenticavo: per chi ancora non lo avesse capito, il mio lavoro è questo, con la blindsight project, cercare di aggiornare l'italia, di adeguarla al resto dell'europa almeno, per quanto riguarda i disabili sensoriali (io posso questo, poi per il resto che manca agli italiani spero se ne occupi qualcun'altro, perché dalla "frutta" in questa nazione siamo passati repentinamente all'"ammazzacaffè"

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT