UN PONTE DI LUCE

Si sono concluse ieri "Le 5 giornate di Messina", un magnifico evento prodotto da Consequenze. Io ero tra gli organizzatori nonché tra i relatori del convegno di chiusura che si è tenuto ieri pomeriggio. Grande emozione la mia quando in tanti sono venuti da me sul palco per farmi i complimenti, grande rabbia nell'ascoltare le parole della Sig.ra Manca e del Sig. Campagna, rispettivamente mamma di Attilio e fratello di Graziella, entrambi assassinati e ancora in attesa di un po' di giustizia. Enorme lo sconvolgimento nell'ascoltare le verità sul ponte raccontate da Antonio Mazzeo, bello sentire le parole di Stefano Pierpaoli di Consequenze che ha ricordato che questo riuscitissmo evento non è un punto d'arrivo ma una rampa di lancio, dove si sono posizionati tantissimi giovani siciliani con il loro impegno, la loro voglia di cultura, il loro coraggio e le loro immense capacità artistiche.
A questi giovani siciliani devo un particolare ringraziamento: mi hanno trasmesso le più belle emozioni degli ultimi anni! L'attesa di un treno che mi riporta oggi in Calabria mi permette di esprimere la mia opinione, da esterna in quanto romana, rispetto ai meridionali, soprattutto ai siciliani e ai calabresi, che si vorrebbero unire con un ponte..: i siciliani non si offendono. Non è certo una critica a coloro con cui divido una regione da qualche anno, ma una realtà: mi piacerebbe molto che i giovani calabresi si unissero a questi giovani siciliani, realizzando un ponte si, ma di luce! Per un futuro da recuperare, perché come ho detto ieri al convegno e dico da sempre, il "futuro" è ormai passato, senza che molti se ne rendano ancora conto. I giovani hanno il diritto di riprenderselo: a Messina ho passato giorni straordinari, è una città incasinata, come del resto lo è gran parte dell'Italia, ma è magnifica anche se disastrata. Messina mi trasmette la stessa precarietà edilizia che avverto in Caabria, solo nell'antico Monte di Pietà e ieri nel palazzo della Provincia non ho avvertito questa precarietà, consistente in vibrazioni che annunciano un probabile crollo della struttura. Sono in un residence dove da stamattina ho cominciato a sentire la terra tremare, del resto come trema a casa mia in Calabria: tutto trema ormai, bisognerebbe capirlo prima di parlare di ponte, soprattutto che in troppi non hanno un'astronave per spostarsi su un altro pianeta..
il futuro è questo, la legalità è nel ridarlo ai giovani che porterebbero di nuovo arte e cultura, la ricerca è quella che ognuno dovrebbe fare dentro sé stesso: solo così si potrà arrivare ad un tempo nuovo.
Nell'immagine: l'angelo del "tempo nuovo" del duomo di Messina, fotografato da me mentre qualcuno voleva bruciare una strega chiamata Futuro..

3 commenti:

  1. Il tuo augurio, cara Laura, è come al solito pieno di speranza e di aspettative...Un ponte di Luce è quello che si augurano tutti i calabresi e i siciliani onesti...Giovani, anziani, adolescenti,madri e padri di famiglia...Le 5 giornate di Messina sono state sicuramente un'ottima occasione per parlare, interrogarsi e soprattutto confrontarsi...Per svegliare sempre più le coscienze apparentemente assopite di tanti ragazzi che abitano il meridione...Qualcosa sta cambiando...Lo percepisco dai discorsi che ascolto dai miei coetanei calabresi...Ma c'è ancora tanta rassegnazione, senso di impotenza,frustazione...Anche chi come me crede tanto in un possibile cambiamento si adopera alla fine molto poco...Le parole da sole non bastano...come non bastano i buoni propositi...Vorrei fare di più per la mia bellissima terra martoriata...Come per la splendida vicina di casa Sicilia...
    Sto facendo in modo che non rimanga solo un desiderio.
    Mi complimento con te e Stefano per l'iniziativa.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  2. non è vero che ti adoperi poco: se questa regione avesse più persone come te sarebbe migliore, questa calabria dove nel frattempo sono arrivata nel tardo pomeriggio dopo un viaggio estenuante per l'assenza di aeroporti e treni veloci..
    alla tua età diventavo madre, ho dovuto rinunciare a tanto e molti sono stati i sacrifici affinché mio figlio, oggi tuo coetaneo, rimanesse libero, ma siete in troppi a non essere più liberi, nonostante sforzi e sacrifici delle vostre madri, raramente, molto raramente anche dei padri..
    consiglio il ponte di luce, ma sarà luminoso solo se sarete voi giovani a tenerlo unito, con la vostra forza e voglia di fare, soprattutto quella che vi permetterà di riprendervi un futuro che vi hanno rubato, con esso la cultura.
    io e pochi altri come me, anziché slogan e sole parole facciamo i fatti: vi stiamo aprendo uno spiraglio in questo buio di oppressione e disperazione, voi dovete unirvi ed entrare, altrimenti sarà inutile anche questo nostro ulteriore sforzo, che faccio sempre con piacere tra voi giovani meridionali, perché voi siete tanti, tantissimi, questo è il vostro tesoro.
    anche tu sei un tesoro, sei una grande gina, sono io che ti ringrazio molto per dimostrare che la permalosità calabrese appartiene a chi vive ancora nel passato, almeno tra voi giovani che invece avete tante cose da dire e da fare.
    noi madri siamo stanche di perdere figli e di vederli partire per sopravvivere, i ragazzi siciliani lo hanno capito, mi auguro che lo capiscano presto anche quelli come te, i calabresi, affinché possiate unirvi in un fascio luminoso al posto di un ponte di merda che non si farà mai (ormai lo abbiamo capito tutti) ma che già costa troppo a tutti gli italiani (perché non solo non è un problema solo siciliano, ma è anche calabrese, fino ad esserlo di tutti gli italiani).
    un abbraccio anche a te, grazie ancora, laura

    RispondiElimina
  3. è sempre bello leggerti perchè trametti tu stessa la luce, la luce di chi è nel giusto perchè lotta per il cambiamento

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT