TERREMOTO 4,7 IN CALABRIA

Il vulcano invisibile, il Marsili, il più grande vulcano sottomarino d'Europa, attivo quindi un "mostro" vivo di cui non tiene conto chi vuole costruire un ponte sullo stretto di Messina, è a rischio. Se ne parla da un po' (vedi QUI) ma nemmeno tanto, se si pensa che oggi alle 16.50 circa c'è stata una scossa di quasi il quinto grado! Una scossa di 4,7 d'intensità per l'esattezza (vedi QUI), non è poco anche se con epicentro in mare, cioè dal Marsili, il che non è confortante.
Uno tsunami in Calabria come qualcuno dice? Qualcun'altro aveva anticipato pure la "fine del mondo" a tra pochi giorni, proprio a causa di un vulcano sottomarino.. (vedi QUI).

Meglio non pensarci e non parlarne. Il sole comunque era diverso oggi: ha scaldato pure questo corpo sempre più estraneo a me, mentre mi dedicavo al giardinaggio, tra fiori e piante. Perché mi mancano i sassi e il mare, quasi sotto casa mia ma.., quindi ho bisogno di affondare le mani nella terra, di accarezzare fiori e di curare piante sui miei terrazzi. Sono così lontana da Roma e, in questo forzato eremitaggio che ho trasformato in un "giardino zen", mi godo il mio straordinario satori, ..tanto sto al primo piano, sperando sempre che qualcuno ci ripensi e che, al posto di un ponte, magari faccia altre cose più urgenti e utili a tutti, ... possibilmente antisismiche.

4 commenti:

  1. Ti confesso la mia ignoranza su questo vulcano. Il tuo post e il meglio che ci possa essere per chiarire le responsabilità quando si parla di ponti e di centrali nucleari. Fra qualche minuto inserirò un post con un link al tuo.
    Un augurio a te e ai fiori del tuo giardino.

    RispondiElimina
  2. Ennesima occasione nella quale le tue conoscenze mettono allo scoperto la mia immensa ignoranza. Sai che di questo vulcano sottomarino non ne avevo mai sentito parlare? E per giunta leggo che è un vulcano gigantesco e che Boschi lo ritiene pronto ad eruttare. Confortante...
    Sì sì, pensiamo pure a costruire un bel ponticello, buttando letteralmente a mare un sacco di soldi, così come, per fare solo un esempio, quelli sprecati separando le date del referendum dalle amministrative. Ricordo bene? Trecento milioni di Euro? Ma quante cosette utili si potevano fare con sti soldini? Un po' di carta igienica per le nostre scuole pubbliche sicuramente ci scappava, come anche un po' di benzina per le auto della polizia, o un po' di attrezzature indispensabili per gli uffici dell'Aeronautica Militare (ieri sera un mio compagno di palestra, maresciallo della AM, uno di quelli che si spenzola dagli elicotteri per fare i salvataggi, mi ha raccontato che con i colleghi si sono autotassati per comprare cose necessarie ma per le quali mancano i soldi). Gli esempi di sprechi possono essere infiniti, pari solo agli esempi di utilizzi mancati e necessari per il buon funzionamento dello Stato.
    Siamo dunque alle solite, ma la mia speranza è che ci sia un'eruzione di diverso tipo in arrivo. La sensazione, sembra, è che la "gente" (virgolettato), il "popolo" (pure virgolettato, per riferirmi a qualcuno che ama l'utilizzo di questi vocaboli al fine di dare un inconsistente sostegno alla sua immeritatissima posizione) sia sul punto di esplodere.
    Provo immenso piacere a sapere che, se anche non puoi fare le tue amate passeggiate in spiaggia, puoi almeno goderti il bel tempo sul terrazzo, fra le tue piante, che spero di poter ammirare presto di persona.
    Tante cose da dire e soprattutto da ascoltare, quando verrà il momento.
    Per ora un abbraccio telematico. Ti auguro di stare ogni giorno meglio e un sereno fine settimana.
    Cugigio.

    RispondiElimina
  3. Pubblico il mio commento e vedo che Francesco è messo come me in fatto di conoscenze sui nostri vulcani!!! Almeno siamo in due!

    RispondiElimina
  4. i veri pericoli sono sempre tenuti all'oscuro, soprattutto quando parlano di nucleare: in europa c'è come materia scolastica anche geografia astronomica, da noi oltre arcore non si va con le "conoscenze"..
    molti sono i calabresi e i siciliani che vivono allo stremo e ancora senza casa, per frane che continuano a sbriciolare questa lingua di terra chiamata calabria mentre in sicilia ci pensano pure l'etna e i barconi.
    tutto sbriciolato, compreso l'onore di tanti uomini che stanno svendendo la propria terra, il proprio mare..
    lo stesso mare che fa da deposito ad un'arma paragonabile all'atomica: il marsili, ma ci sono anche il vavilov, palinuro, oltre a stromboli, etna e il famigerato vesuvio..
    sotto il cui cratere si continua a costruire abusivamente: in caso di evacuazione forzata, anziché preoccuparsi per la canalis che forse sarà lasciata da clooney, qualcuno si chiede se l'italia è pronta?
    il giappone ha retto a 9 gradi, poi è arrivato il mare, e allora qui???

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT