LA DIVERSITA' DEI GIOVANI

Una mattinata straordinaria quella di oggi, passata con tanti giovanissimi studenti della scuola media di Praia a Mare: sono stata invitata da una professoressa per un laboratorio didattico e affrontare insieme il tema della diversità. Do sempre tutta la disponibilità per queste cose, che faccio anche molto volentieri visto che con i giovani e i bambini sono più brava che con gli adulti, ma forse solo perché questi ultimi sono ormai troppo inquinati da pregiudizi, paranoie e paure.
Erano circa 100 ragazzi con alcuni professori, e sono ancora sconvolta da tanta partecipazione, da tanta attenzione, da tante domande e dall'accoglienza eccezionale: hanno lavorato tutto ieri per preparare la giornata di oggi, con lavori fatti da loro su varie tematiche vicine alla diversità ma anche all'ambiente, e addirittura hanno preparato un buffet finale! Si certo conta molto l'educazione ricevuta in casa, ma conta molto anche con chi crescono i nostri figli in classe e, nonostante le orrrende gelminiane riforme, sopravvivono fortunatamente professori che amano il loro lavoro e lo vivono come una missione e non come un semplice posto fisso per lo stipendio mensile.
La loro energia pulita ha inebriato sia me che Artù, contentissimo di stare lì, le loro domande dirette, senza tanti giri intorno e prive di ogni paura, hanno avuto le mie risposte e le mie spiegazioni. Ci sarà presto un video girato da loro e le loro impressioni saranno un ebook che pubblicherà Blindsight Project. Non c'è stata una domanda inutile, ed alcune mi hanno lasciata senza parole, tra queste una domanda che mi hanno fatto forse solo 2 o 3 persone da quando persi la vista: "ma quando ti svegli come capisci che non stai sognando?". Poi hanno anche chiesto: "ma i vestiti come li scegli?", "cosa hai provato quando hai capito di essere diventata cieca?", "che rapporto hai con tuo figlio e come ha vissuto questo episodio?", ecc. ecc. fino a "come leggi?", o "ce l'hai il fidanzato?". Tra questi un ragazzo in carrozzina, importantissima presenza per me quanto io per lui, a conferma che bisogna finirla con le "categorie" di persone, disabili e non! Lui ha fatto molte domande su Artù, ne vorrebbe uno anche lui ed ho spiegato che esistono cani addestrati anche per le sue esigenze, suscitando ovviamente tante altre domande sul cane guida.
L'integrazione assoluta esiste solo se intorno a noi disabili c'è questa energia pura, solo se gli altri non hanno paura di noi, né di sbagliare né di offenderci, né tantomeno di sfigurare nel mondo delle apparenze se ci si avvicina al cosiddetto "diverso". Un'esperienza quella di questa mattina che non dimenticherò mai e, quando la professoressa mi ha chiesto in chiusura quale messaggio volevo lasciare ai ragazzi, ho consigliato una cosa e ne ho chiesta un'altra: "non vivete mai solo di ciò che vedete, scoprite il senso di ogni cosa quindi non considerate mai le apparenze, poi vi chiedo di non aver paura di sbagliare, mai, perché solo così si cresce, tutti insieme". Applauso e buffet, con Artù accarezzato finalmente da mille mani, anche se sinceramente la vera occasione che l'ha appagato di più è stato avvicinarsi al ragazzo in carrozzina, era felicissimo forse perchè ha sentito, come me, la gioia immensa di questo ragazzo di 11 anni che finalmente poteva accarezzarlo e, nonostante il buffet fosse per lui molto invitante, non si è allontanato dalle sue mani, anzi ci giocava contento e con una premura che non è da Artù.
I giovani non vanno rieducati alla politica, come dicono tutti coloro che in tanti non abbiamo più voglia né di seguire né di votare, ma vanno educati alla realtà e all'integrazione, al coraggio di chiedere, al contatto (quasi inesistente ormai addirittura anche con i genitori), al sapere e al conoscere, per capire che siamo tutti diversi, per questo dobbiamo rispettarci.
La normalità è: poter stare insieme tutti, non creare categorie (o ghetti), ed avere giusta informazione. Questo solo basterebbe per vivere più felici e in armonia. Prendiamo tutti esempio dai bambini e dai giovani: l'unica paranoia che hanno avuto con me è stata se una cosa del buffet potesse piacermi o no, "paranoia" così lontana dai distruttivi e razzisti meccanismi mentali degli adulti!

6 commenti:

  1. mia cara Laura, questo articolo è stato una boccata d'aria pura dopo giorni in cui la fabbrica del sorriso CERCA di far passare l'integrazione dei disabili come qualcosa di simile ad una elemosina.. Invece, è lo stato, o meglio sono i suoi rappresentanti, in questo caso migliori come questa insegnante che hai conosciuto, che devono passare il messaggio. I ragazzi delle medie sono meravigliosi, la loro energia, creatività e spontaneità che ho potuto sperimentare in due corsi di scrittura creativa che ho tenuto, sono magiche.
    Ma vanno guidati e portati alla conoscenza dei mondi altri. Grazie di avere postato questa storia, e spero di leggerne molte altre del genere!

    RispondiElimina
  2. rosa questa professoressa è anche una persona eccezionale, se tutti i professori fossero così forse il bullismo sarebbe sconfitto.
    diciamo pure che il bullismo è la prima espressione di quello che saranno da adulti, e cioè zavorre per tutta la società.
    comunque dici bene quando porti l'esempio dell'elemosina: purtroppo vale per troppe associazioni, spesso e quasi sempre legate alla politica, che sia un partito o all'assessore, consigliere o deputato di turno, eletto a suon di promesse che, da sempre, non sono mai mantenute.
    il rispetto della dignità della persona è un diritto: non è faticoso insegnarlo ai ragazzi, il problema spesso sono i genitori, così presi dalle apparenze, ciao rosa un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Che bel racconto! Che stupenda descrizione! Mi sono quasi commossa nell'immaginare la scolaresca,Artù e l'insieme.Brava Laura, come sempre! GRAZIE e .... avanti tutta! Paola Giusti

    RispondiElimina
  4. Uno splendido riassunto delle meravigliose realtà e potenzialità dei giovani.
    Quella domanda sul risveglio e su come fai a capire che non stai sognando meriterebbe un intero saggio sulla percezione!!!
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina
  5. Non posso che unirmi all'entusiasmo di chi ha già commentato. Questo post è stato una lettura inebriante. Farò un copia incolla del link e lo spedisco per mail urbi et orbi.
    E' vero, c'è un altro mondo, quello dei molto giovani, ancora incontaminato. Non so se avevi già fatto interventi nelle scuole medie ma, quando puoi, ripeti. Quelle sono orecchie che ascoltano.
    Un abbraccio
    Cugigio

    RispondiElimina
  6. @paola: ad alcune domande stavo per commuovermi anch'io, ma ho resistito. un abbraccio e grazie!
    @ruhevoll: ha avuto la capacità di andare più oltre dell'oltre, cioè mi ha raggiunta, pazzesco!
    @giosatu: una volta a roma, qui però erano molti di più e pure più curiosi, comunque che belli!

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT