CITIES FIT FOR CYCLING: GUERRA AI CLONI

Domani sarà la giornata di ciclisti e pedoni, spesso schiacciati e massacrati sulle strade: "Cities fit for cycling" è il nome della campagna che lancia l'iniziativa che si svolgerà contemporaneamente a Roma e a Londra, ricordando anche i numerosi morti in incidenti stradali investiti da un'auto (614 pedoni e 263 ciclisti nel 2010 e negli ultimi 10 anni 2.556 sono solo i ciclisti). (Leggi tutto da Asca).
Io non ero in bicicletta quando fui investita, ma anche su una moto sempre su due ruote si sta e la distrazione di chi guida rinchiuso nel suo abitacolo metallico aumenta sempre di più. Non sono solo i cellulari, per cui quasi nessuno usa manco un auricolare mentre guida, non sono solo i drink, che comunque vanno evitati se si vuole avere una mobilità su 4 ruote, e non sono neppure solo le alte velocità, sinonimo di vera "coatteria": c'è anche molta gente che non sa proprio guidare, grazie alle patenti rilasciate in cambio di denaro o addirittura per amicizia, così come ci sono troppi vigili che non fanno il proprio dovere.
Il demente che mi ha ammazzata quel maggio del 2002 era distratto, ha fatto la sua retromarcia su di me e ci ho tirato fuori uno spettacolo teatrale: non è solo un esorcismo al male e al dolore ma un voler onorare una delle mie tante rinascite, quest'ultima davvero insolita. Mi ritrovo così: cieca del tutto e mezza sorda, completamente cambiata in una nazione che non conosce manco la legge sul cane guida, né tantomeno un bastone bianco, e vivo in mezzo a cloni che prendono l'auto anche per pochi metri, magari spaccandosi i muscoli in palestra però, dove a me non hanno fatto entrare perché accompagnata da cane guida.
Si muore di tutto ormai, anche solo per aver pronunciato un nome sbagliato a un fidanzato italico, in Italia si muore di malasanità, di debiti, di fame, di malagiustizia, ecc., ma morire perché chi guida non si rende conto che quell'auto è uguale a un mitra carico e pronto a sparare, beh questo è ancora più assurdo!
Il mio suggerimento, ai vedenti con patente, è questo: le due ruote o le due gambe che potreste falciare via per sempre per una vostra distrazione o per la vostra ignoranza in materia di codice stradale, potrebbe ritorcervisi contro, almeno anch'io mi auguro che tutto il dolore che ho dentro possa finire solo in quegli occhi distratti che un giorno retrocedettero sulla mia magnifica vita.
Ai cattolici obiettori di coscienza suggerisco invece di impegnarsi di più nella sicurezza stradale, anziché rompere continuamente con le loro difese nei confronti di embrioni: cari obiettori di coscienza, terrorizzati dall'aborto e dalla ricerca, preparate prima una strada sicura, visto che ci tenete tanto alla vita, affinché quegli embrioni possano vivere a lungo la loro! Fate in modo che una volta partoriti non rimangano schiacciati dai pirati che guidano un'auto come giocano a un videogame.
La sicurezza stradale non è uno scherzo, ma un'emergenza in questa nazione: non c'è religione nel comportamento degli automobilisti italiani, così come non c'è in tutti quei vigili che se ne fregano. Dico questo perché ritengo energie sprecate quelle impiegate dagli obiettori di coscienza.
Per ultimo: andare in bici è bello, meglio andare a piedi comunque, quindi cari ciclisti rispettate chi sta a piedi su un marciapiede e, anche se pericoloso, pedalate sulle strade, non invadete quell'atomo di Terra dove qualche umano ha deciso di restare usando il più antico mezzo di locomozione, e cioè le proprie gambe.
Ma forse è difficile capire quanto dico, visto che così ci sto io e tanti altri, e che con le proprie gambe gli italiani fanno sempre meno cose.
Nell'immagine: i cloni dell'agente Smith di Matrix, tra cui sono costretta a vivere da quando sono cieca per colpa di un distratto, infatti più che vittima della strada, mi considera vittima del clone.

6 commenti:

  1. molto giusto il tuo appello a lasciare lo spazio a chi usa solo le gambe ... ciao

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura, leggendo questo tuo post è inevitabile che torni in mente l'ode dell'andare a piedi della poetessa russa Marina Cvetaeva (scriveva l'ode nel 1928, figuriamoci cosa direbbe adesso!) e poi, per farti ridere un po', ma neanche tanto, ti propongo questo post, che scrissi tempo fa dal ritorno di una vacanza in Trentino tra stradine di montagna e mulattiere, che io percorrevo rigorosamente a piedi. Un saluto e a presto.

    RispondiElimina
  3. anche tra i ciclisti ci sono molti cloni! ci credete che al mare dove ancora abito c'è una ciclabile straordinaria, di certo non c'è il traffico di roma sulle strade, eppure da 5 anni e mezzo che sto qui vanno quasi tutti in bici sul marciapiede e s'arrabbiano o mi deridono se chiedo loro di rispettare i pedoni?? uno su 10 mette il casco in moto e il codice della strada qui è sconosciuto e non c'è nessuno che lo faccia rispettare: ci credete che, oltre al RANDAGISMO
    , tornerò a roma anche per questo motivo? avevo bisogno di mare, di natura, ma pare che sia impossibile viverli.
    antonio ho letto sia il post che la poesia: belli! poi si correlano bene a questo post e alla mia difesa delle proprie gambe.
    ciao a tutti e 3

    RispondiElimina
  4. è la distrazione che ci frega: lo dico da automobilista, scooterista e anche pedone, ho più paura per gli altri che per me stessa ma mi rendo conto che a volte i riflessi non sono pronti e che per un pelo mi è andata BENE

    RispondiElimina
  5. @zefirina: la distrazione è spesso di chi dovrebbe controllare e non lo fa! non c'è la cultura del rispetto del codice della strada cara patrizia, né da parte dei vigili né tantomeno da parte di chi guida, non c'è civiltà sulle nostre strade, ma si muore continuamente e, come sai bene, mi considero una fortunata per essere io la vittima anziché la madre di una vittima.
    a una madre che ha perso il figlio per la distrazione di un altro, a tutte quelle madri e padri lo stato deve qualcosa, e pure subito.
    poi si certo, ci si distrae, ma se certi usassero la stessa concentrazione che hanno su facebook anche mentre guidano, sono sicura che molti incidenti si eviterebbero, ciao (torno a roma patrì!!!!)

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT