VULCANO MARSILI TRIVELLATO NEL 2013

Qualcuno ha deciso di trivellare il più grande vulcano d'Europa, il Marsili, vulcano sottomarino attivo, nonché fonte di pericolo per la costa calabrese che è di fronte, zona questa non solo ad alto rischio  di tsunami, ma anche di terremoto per lo sciame sismico che interessa da anni il Pollino. Decisione questa presa probabilmente in conseguenza ad una vasta strage di neuroni, visto che da anni, nella stessa zona, si temono maremoto, terremoto ed esplosioni varie: lo scopo delle trivellazioni dovrebbe essere quello di sfruttare l'energia del grande vulcano, produrre quindi energia geotermica, nonostante proprio al sud il SOLE non manca di certo e lo si potrebbe sfruttare!
La prima trivellazione dovrebbe avvenire nel 2013, uso il condizionale perché mi auguro che qualcuno fermi questa follia. Trovo assurdo emulare l'Islanda e non la Germania, che ha invece puntato tutto sul Sole, nonostante ce ne sia molto meno che da noi: non sono un'esperta vulcanologa, né una ministra, io non sono nessuno...ma sento dentro un gran casino, un casino che ho avvertito appena arrivata su questo mare 5 anni fa e che sto per lasciare per sempre (uno dei motivi è anche questo, oltre a tutto il resto, ma sono rare le persone che qui mi hanno ascoltata, il più delle volte mi sono sentita dire che parlare di queste cose "porta male", e questo è un altro motivo per cui ritorno a Roma).
Io lascerei tutto calmo e al suo posto, aiuterei invece nell'acquisto di pannelli fotovoltaici, li produrrei e li farei montare: anche questo è sviluppo e lavoro.
Spero che la Calabria, che a differenza della Sicilia a suo tempo fece pochissimo contro l'inutile e faraonico ponte sullo Stretto di Messina (che avrebbe dovuto unire solo fame, disperazione e vulcani), stavolta si muova ed anche in fretta, perché questo non è solo violare, ma violentare.
E non è complottismo ma, viene spontaneo chiedersi: ma tutti questi terremoti e maremoti, quanto hanno di naturale?

5 commenti:

  1. E' una continua violenza alla natura la nostra arroganza, il nostro voler fare tutto ciò che si può fare! E' anche inutile dire che prima o poi ci accorgeremo di quanto costa la nostra arroganza perchè chi controlla l'economia (e i pecoroni consumatori non hanno meno responsabilità) non si accorgerà mai dei danni, avrà sempre un alibi per dire che la natura di tanto in tanto si ribella! come se alla natura interessasse un fico secco della nostra esistenza.

    RispondiElimina
  2. ciò che proprio non capisco è perché andare a stuzzicare una bomba atomica come il marsili, quando si potrebbe far tutto con il sole, che abbiamo in abbondanza.
    giusto antonio, questa è arroganza e la colpa è anche di chi permetterà tutto questo (ricordo che per il ponte di messina dalla calabria ci fu un accenno di movimento contro, mentre in sicilia facevano un bordello per non far trivellare e non costruire un ponte inuile e di grande pericolo).
    il fatto è che una sola vibrazione sbagliata potrebbe collegare anche stromboli, etna, vesuvio, altro che bomba atomica! chi può escluderlo? e dov'è la mappa sismica nascosta subito dopo l'aquila e riservata ai soli esperti? quanti cervelli liquefatti dal potere ormai, quanto casino senza una responsabilità.
    la natura? l'uomo arriva qui per ultimo, fa un gran casino e se lo si toglie tutto rifiorirebbe, ma ormai c'è, dovrebbe solo rispettare quanto ha intorno

    RispondiElimina
  3. sono proprio matti
    un slauto dalla california ciao Laura

    RispondiElimina
  4. la foto è un montaggio

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT