CIAO FRANCE': ORBI ET SORDI CUM SYNTHETICA VOX

Comignolo del Vaticano con gabbiano che attende la fumata
Er latino nun me l'aricordo, te scrivo co sto romanesco a cui però mo, caro Francè, te dovrai abbituà, poi nun te dico come viè letto er romanesco da sta loquela synthesis, o synthetica vox, o sintesi vocale, chiamela come te pare, sempre na voce sintetica è che me legge tutto, scusa perciò si trovi quarch'erore.  L'itagliano pe mo lo lasso sta, quanno parlo a 'n papa nun posso che parlà da romana.
Comunque è bello sentì Roma co le campane, ce voleva proprio 'n papa novo "de n'antro monno"! Ao, l'hai detto te.
Eppure nun màncheno, semo pieni de campane a Roma, ma nun le sòneno quasi mai: na tristezza da 'n ber po' d'anni Francesco mio!
Nun te vedo stavorta, nun saprò mai come sei fatto: me sto a vive n'antra vita e nun so più com'ero prima, pe vedette te dovrei toccà, e chi lo potrà mai fà? Penza nun se fanno toccà li cristiani normali, figùrete si te farai toccà te che mo sei ..er Papa, e puro er vescovo de Roma!
L'ho visti tutti, da quanno so nata, quelli che ce so passati prima de te su quella sedia, puro quello che s'è dato, l'urtimo pe capisse, l'avevo visto, prima de morì co na tranvata su la capoccia mia, e me lo ricordavo bene puro com'era quanno so rinata senza l'occhi, me so, pe così dì, risparmiata la vista der decadimento fisico, ma quello era da cardinale, e quello è rimasto puro da papa, de capoccia intenno dì. Certo, si è stato mejo o peggio de tanti, lo potremo dì solo fra 'n po' de sto papato tuo, pe mo sapemo solo che s'è dato: sta storia de "morto 'n papa se ne fa n'antro" che dimo noi a Roma da sempre, tanto da finicce a vive così, se vede che ja messo proprio paura!
A te nun so riuscita a vedette quanno potevo, perciò nun te vedrò né te toccherò mai Francè, ma te sento: t'ho sentito arivà, eri nell'aria dopo la morte de n'omo che voleva sarvà li poveri (ma nun c'è riuscito poi tanto), e poi tifavo pe n'antro cardinale si te devo da dì la verità. T'ho sentito parlà però, pe la prima vorta solo ieri: hai detto "Buonasera..!", e l'hai detto come lo dice er tanguero (sto a scherzà, ma daje, lo sapemo tutti che diventi comunista pe 'n giro de tango, però ce sei piaciuto come c'hai salutato a tutti ;).

Dici che vieni "da n'antro monno" o "dar monno lontano" nun m'aricordo bene com'hai detto: e chissà 'ndò stavi!? Ma che te credi Francè che qui stamo mejo? Questo lo dovresti già sapè, nun te lo dovrei dì io. Conosci puro quella periferia desolata e sconfinata che chiameno "itaglia"? Quella tera mezz'aruvinata che gira 'ntorno a Roma, soprattutto verso giù? Te l'hanno detto de come stamo combinati da sta parte de monno? Penza solo alla monnezza, quella vera e quella che impera nelle capocce de na folla de corotti che c'hai sotto casa tua, ..ma puro drento nun è che stai messo mejo, fattelo dì!
"Francesco".. te sei scerto er nome più gettonato dar popolo, da li sondaggi vostra lo sapevamo quasi tutti, poteri de sto terzo millennio, ma chièdete puro er perché sto popolo rivole tanto "Francesco"! Forze che sta Chiesa tua, quarcosetta l'ha fatta de sbajata, nun credi? Ne l'urtimi secoli, de Francesco er poverello, lì drento nun s'è vista manco l'ombra, anzi! Chissà se c'ariesci te a portacce ..
nun te dico 'po' de povertà', ma 'n po' meno de ricchezze si, daje! Nun ce starebbero male manco 'n po' de carità e de umiltà, nun credi? Roma è diversa da quella che t'hanno fatto vede fino a oggi: t'aricordi li cartoneros da le parti tua, sì? Ecco ce stanno puro qui, e diventano sempre de più fora da le mura de casa tua, quindi nun te dimenticà de mette a posto lì dentro, ce faresti 'n piacere a tutti quanti!
Nun te dimenticà manco de chi c'ha fame, li sordi e er potere mo ce l'hai pe fa er gesuita vero de sto millennio, che c'aricorda a tutti quello de la peste e de li barbari che calarono su Roma pe saccheggialla e pe finilla,.. co na lunga serie de corpi de grazia..!
Francè, te parla una che s'è sbattezzata, ma che ce crede che sto monno po cambià, e tu sei l'omo più potente mo, sinnò nun te scriverei co sta loquela synthesis che nun se regge, c'hai 'n'età e nun poi aspettà tanto, si voi davero abbolì la miseria e portà 'n po' de pace. Perché t'aricordo che sulla carta, tra le tante, te saresti preso puro sta rogna, leva che fino a mo se ne so fregati tutti, tu nun je dà retta, stamme a sentì, manco stai da solo visto che er papa emerito te segue da li castelli: pe me ce la poi fà, ..si solo lo voi davero.
Sei er primo papa che se fa chiamà "Francesco", sei er primo papa eletto senza er papa morto, sì era successo co Celestino, ma lui si t'aricordi bene nun se dimise, lui abdicò! Sei er primo papa gesuita me pare, e puro er primo papa che viè da na tera colonizzata proprio da la Chiesa, er "Suddameriga", e puro se li genitori tua so itagliani, comunque sai de che stamo a parlà, perchè lì te c'hai vissuto.
Quer gabbiano Francè ...dovemo ancora capì si ce l'avete messo voi, o si se stava solo a scallà su quer comignolo ieri, mentre er pianeta intero, (e chissà se puro quarcun'antro?) aspettava na fumata, de cui i tg c'hanno detto puro che robba useno li servi vostra pe falla nera o bianca, poi c'hanno detto der vestito novo tuo, de le scarpe, de la cammera da letto, e avoja a dì de sta robba che.. nun c'enteressava proprio si voi sapè. A Francè, nun poi negà che quer gabbiano, che oggi è "er più de l'Universo", sia 'n ber segno ..de LIBBERTA'. Me auguro che te l'aricordi bene sta parola, pe tutti e puro mo che dovrai parlà a quella parte de popolo suddamerigano che deve votà, e si ce dovessimo aricapità puro noi itagliani, cerca de dì le cose giuste, perchè sti governanti nostra (pieni de probblemi all'occhi pure loro, nu me fa dì..) nun se movono si nun parlate voi da lì, è così è da tanto tempo qui, anche se stanno un po' a cambià le cose e tu che sei er papa novo arivi a cecio: 'na bella occasione pe rinnovasse tutta na botta, no?

Dicheno però che sei conservatore, e qui nun saresti er primo! Ma penza Francè, potresti esse puro er primo papa a facce sta n'po' più libberi, su la Tera dico, no pe finta co le parole, com'hanno fatto tutti li papi che te peseno su la capoccia! Nun ce proibì de vive e de esse libberi, nun ce dì più che è peccato tutto quello che famo e penzamo, butta via 'n po' de zella da lì dentro invece, come te dicevo prima se n'andrebbe puro tanta de quella che c'avemo qui, fora da le mura de casona nova tua, làsciace sperà sti giorni, puro a me che me ne so ita da casa tua, ..e nun solo da quanno me so sbattezzata.
Poi te vojo dì na cosa Francè, puro si mo c'hai da fà:


nun da retta si te dicheno che a noi ciechi ce serve er vangelo cor braille, nun è vero!!! Noi c'avemo la "loquela synthesis" e ce serve tutto tranne ch'er vangelo cor braille: quell'8 pe mille che ve piàte da troppo tempo, cerca de mettelo nelle tasche e nelle panze de chi nun po' più vive!
T'ho scritto a nome puro de tanta ggente Francé, madri che c'hanno li fii sordi o ciechi e se so stancate, come chi t'ha preceduto, de "portà sta croce": vorebbero li fii autonomi e rispettati, a scola come l'antri, nun li vojono più vede presi in giro, messi da na parte o "assistiti" cor "metodo parocchia". Anche perchè a differenza vostra der Vaticano Francé, ste madri pagheno 'n sacco de sordi pe le tasse, e so abbandonate, come li fii e li mariti loro!!
Laura te saluta Francè e te dà er benvenuto a Roma, ner caso mio più che come "santo padre" te lo do come omo de politica, sei sempre er Capo der Vaticano Spa, nun se lo dimenticamo mai, ma sembri puro uno tosto e che se move lesto (mejo Francè, perché se semo 'n po' addormiti tutti a Roma urtimamente..). Datte da fà, nun penzà solo alla Curia vostra.

 P.S.: Te lo scrivo qui Francè, così te l'aricordi mejo, si mai me leggerai:
1) nun t'empuntà co li gay, falli vive, e ce metto puro li preti e le monache: si se vojono sposà ma che te frega? Anzi penza alla grande (mo stai a Roma, qui tutto e Grande), faje fa puro li genitori, tu lo sai quanti saranno li regazzini che c'avranno un futuro e nun moriranno a cinqu'anni!
2) Nun te mischià co sto casino che c'avemo drento l'istituzioni nostra, invece faje capì na vorta pe tutte che nun s'arubbano né li sordi né la dignità né la libertà! E dijelo a questi che se po' avè 'n fio tuo puro si sei sterile (e povera) oggi, che li preservativi li devono usà puro li preti e che si nun me sento de diventà madre.. è mejo che nun ce divento.
3) Pagateve le tasse, e magari dacce puro na mano a sopravvive, de certo nun te mancheno mo le possibilità p'aiutacce quer pochetto che basterebbe a facce respirà, o a lavorà...
4) Penza alle donne, ce stanno a fà fori a tutte ner silenzio de tutti, poi dicheno che nun se po' abortì? Ricòrdete sempre che prima de esse "embrioni", caro Francé, semo ..Madonne!
T'arisaluto e aricòrdete che stavorta potresti sur serio cambià er monno, damme retta Francè.

ah! me stavo a scordà, 'n'occasione come questa sarei na scema a stamme zitta!

P.S. 2: ... scusa, visto che ce sei mo e co sto nome: potresti dì a tutte le parocchie de fa entrà li cani de li ciechi?? Me faresti na gran cortesia!! Chi mejo de "Francesco" mo je lo po dì?
So stata educata così, a salutatte, pe noi romani er papa è drento ar Dna, nun te scordà però che quello che t'ho scritto io, semo tanti a dillo e a penzallo.. e t'aripeto..stamo a diventà sempre de più, puro si nun se so sbattezzati come me... loro ce credeno a te, nun li cojonà, io l'ho fatto invece pe tutti li motivi che te dico sopra, si me dai retta ne riparlamo volentieri, sinnò caro Francè sei n'antro Avatar, da schiaffà tra quarche tempo drento a la basilica sotto casa mia: tu dirai "e 'ndò abbiti ao?", e t'arisponno subbito, sto a San Paolo fora le mura, dove ce stanno tutte le facce de li papi  de Roma, .. e dove se mannaveno puro l'appestati tanto tempo fa... cerca d'arivacce er più tardi possibbile si me dai retta, e cerca invece d'annacce subbito si voi fa l'avatar. Spero de no, famme sperà che me darai retta, ciao Francè!

8 commenti:

  1. Mi tolgo il cappello, a questo tuo benvenuto non si può aggiungere niente che non sia ammirazione e rispetto. Cara Laura per quanto sia ingenuo sperarlo mi auguro che questo tuo appello arrivi dove desideri tu. Ciao

    RispondiElimina
  2. PS Laura è rispuntato il capcht...insomma quella roba lì che devi combattere per lasciare un commento.

    RispondiElimina
  3. @francesco: eh sì francé, quanno ce vò.. ce vò!
    @antonio: questo papa ha un polmone solo e tanti anni, non sarà un lungo papato ecco perché si sbrigherà a "sistemare".
    non ho citato pedofili e eutanasia: per me dovrà assolutamente combattere la pedofilia nella chiesa e non a parole, poi dovrà affrontare l'eutanasia, vissuta in modo meno drammatico all'estero (idem per la cremazione) e malvolentieri potrebbe cambiare queste due cose in meglio, per il resto la vedo molto dura, anche perché lui dietro al nome è un duro sul serio.
    ciao grazie

    RispondiElimina
  4. @antonio: il captcha ho dovuto rimetterlo perché blogger mi riempie di spam!! consiglio come fare per leggerlo se sei cieco, non so dirti come fare se vedi però.
    spero di toglierlo presto!!

    RispondiElimina
  5. Cara Laura leggendo il tuo poema il pensiero è andato a Trilussa e Pasquino... sicuramente perchè richiama lo stile del poeta e le richieste di giustizia di Pasquino caratterizzate dalla geniale vena satira che lo distingueva.
    GRazie e buona giornata.
    Marco

    RispondiElimina
  6. bravissima Laura, come dici tu quanno ce vo' ce vo' e poi er romanesco è più incisivo

    RispondiElimina
  7. dalle sue prime azioni.. ao pare proprio che me stia a da retta! :) è la prima volta che ascoltare un papa mi trasmette un'emozione che non sia schifo o rabbia per il lusso sfrenato e per le loro politiche "mafiose" a cui siamo abituati da secoli! @marco: sai che ci spero poco, però è un buon inizio non credi?
    @patrizia: ha parlato a noi romani come nessun'altro papa ha mai fatto, è il primo che saluta roma così, gli altri s'è so seduti lì e se so sentiti subbito er re, dimme de no ;)

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT