IL COLORE DELL'ERBA, E GLI EFFETTI DI QUESTA SULLA STAMPA

"IL PRIMO FILM PER NON VEDENTI": così è stato ignorantemente presentato "Il Colore dell'Erba", il documentario di Juliane Blasi Hendel, un’opera prodotta da Simone Catania per Indyca, e realizzata con il sostegno di Trentino Film Commission, Piemonte Doc Film Fund, Rai 3 (Doc 3) e con il patrocinio di UICI – Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti e I.RI.FO.R – Torino.
Insomma non è un'opera di certo autofinanziata, tale da non avere risorse per un ufficio stampa magnifico, che possa fermare chi scrive al pubblico come sopra. Non è il primo film.
Chi sono poi "i non vedenti", tanto per cominciare? Sono persone o cose inventate da qualcuno, forse per creare caos e allontanare l'armonia? Perché la stessa associazione per persone cieche e ipovedenti, prima si chiamava solo Unione Italiana dei Ciechi, e quando cambiò nome, perché non si chiamò Unione italiana dei non vedenti e degli ipovedenti? Rimase invece, ed è tuttora, Unione italiana dei Ciechi, e aggiunse giustamente anche degli ipovedenti. Chi ha inventato la parola "non vedente", che non vuol dire nulla e poco si avvicina alla cecità reale?
Non è il primo film per "non vedenti", ma è un documentario su persone con cecità, o persone cieche o ipovedenti, anche perché da anni ci sono addirittura festival del cinema accessibili a chi non vede o vede poco, sottotitoli compresi per chi non sente o sente poco (persone sorde, ipoudenti, cieche, ipovedenti, comunque persone e mai non vedenti).
Perché i giornalisti copiano e incollano senza documentarsi? Anche perché da alcuni uffici stampa partono comunicati con parole che nessuno comprende, e capire qual'è la differenza tra non vedente e cieco non interessa a nessuno quando scrive, semmai arriva la notizia che questo "è il primo film per non vedenti", e si copia e si incolla all'infinito, sommergendo di spam quelle notizie giuste, ad esempio questa: ci sarà un film al mese con MovieReading, pensate una app italiana che da anni consente alle persone (PERSONE) disabili visive o uditive, di fruire di una proiezione in piena autonomia. E ripeto, già da anni pionieri in questo tema rendevano accessibili film per tutti fornendo solo l'audio senza immagini, ma audiodescritto. Poi si arrivò alla proiezione dedicata in qualche sala, a quell'ora e quel giorno, col metodo dell'audiodescrizione ascoltata con cuffiette fornite all'entrata. Infine, dal 2009, questo cambiò: fu realizzato il primo festival (FESTIVAL) accessibile d'Europa, e in seguito ogni anno a Roma c'è un'edizione accessibile alle persone disabili sensoriali (SENSORIALI), cioè con sottotitoli e audiodescrizione per ogni film italiano in concorso, l'anno scorso con MovieReading per l'appunto, quindi pure senza cuffiette, ma solo col proprio smartphone o tablet, alcuni anche da soli in sala.
Leggere che è stato realizzato, grazie a tutti questi sostenitori, il primo film per "non vedenti", non fa sorgere qualche domanda a chi scrive articoli o sta in tv? Come mai se ogni anno il Festival del Cinema di Roma, uno dei più importanti red carpet del mondo, è accessibile a chi non vede, il colore dell'erba è il primo film? No, non ci si domanda nulla, si fa solo spam nella rete e tra i media, disinformando e, purtroppo, facendo perdere di prestigio ad un'opera che, a parte la disinformazione della stampa, apre qualche varco in questo mondo sconosciuto qual'è la cecità.
Per questo avrebbero dovuto pubblicizzarlo e lanciarlo in altro modo: leggere quanto si sta scrivendo è uno schiaffo a chi lavora da anni per arrivare a un film accessibile in anteprima al mese, più il resto che si spera sia accessibilizzato, visto che finora, probabilmente per non scrivere e documentarsi, si continua a non sapere cos'è l'accessibilità di una proiezione, come realizzarla, come e dove fruirne. Con MovieReading, da anni, ogni opera resa accessibile lo è ad ogni suo passaggio, dalla tv al pc, dal cinema al tablet, l'importante è che l'audio sia quello originale, e l'audiodescrizione scaricata da MovieReading si sincronizzerà in automatico con il film.
Blindsight Project, la onlus che presiedo e che ho fondato, anche per abbattere barriere nello spettacolo, dal 2006 realizza e chiede accessibilità, non solo al cinema ma anche a teatro e in tv, per ogni video, ecc. fino alle slide di un convegno: che tristezza leggere ovunque che è uscito "il primo film per non vedenti". Non è il primo, e semmai è fruibile da persone disabili visive.
Complimenti a chi ha impegnato il suo talento per realizzare quest'opera, e ha dedicato un po' del suo tempo da vedente per noi disabili sensoriali, un film che io ancora non ho visto, e non so nemmeno se è accessibile a tutti, cioè se ha anche sottotitoli. Se questi ultimi non fossero stati previsti, beh che dire se non "dividi et impera"?
Scrivere che è "il primo film per non vedenti" è un danno a chi lavora in questo campo, e ci metto tutti i professionisti che realizzano audiodescrizioni, sottotitoli, e lottano per farne tanti. A poco servirà realizzare ancora festival accessibili, o lottare per avere un film al mese da qualche distributore: è così che ci vuole l'immaginario collettivo italiano? Così come veniamo presentati da tutti? "I non vedenti", e mai persone? 

1 commenti:

  1. E' un peccato che il tuo post non abbia diffusione attraverso le testate giornalistiche, lo dico sul serio, pur sapendo che è impossibile che gli stessi giornali imbevuti di ignoranza e viscido politically correct possano dare voce a quanto dici. E' disgustoso che la lingua venga usata come fondotinta per nascondere il deserto etico. Non si rispettano le persone soltanto cambiando le parole con cui le si appella, ha tutta l'aria di essere un'operazione simile a quella di mettersi un paio di guanti per non toccare con le mani qualcosa di imbarazzante. Le persone si rispettano facendosi domande, come giustamente dici tu, e se non si trovano risposte, se le domande ci tormentano - e io spero che ci tormentino perché significa avere ancora sentimenti - allora chiediamo alle persone interessate le risposte anziché inventare termini assolutori per rimuovere il disagio che gli "abili" provano di fronte ai disabili. Ti saluto.

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT