AUTO INTELLIGENTE: SOPPORTERA' GLI ITALIANI?

Auto senza conducente: il sogno di chi non vede.
Dopo tante attese, non solo da parte mia, arriverà finalmente sul mercato l'auto che si guida anche senza vedere. Il progetto di Google si sposa con Chrysler, e a gennaio Detroit vedrà esposte le prime. Leggi la notizia.
Gli americani arrivano sempre primi? Si, forse perché noi italiani ci sappiamo fare, vedi Marchionne in Usa, e forse perché, sempre noi italiani, abituati ormai solo a oceaniche polemiche e a logorroici opinionisti, prima di approvarla sulle nostre strade passeremo anni a discuterne.
Questo mentre chi è cieco ma vive in America, potrà essere finalmente libero e autonomo.
Perché a parte il comducente che potrà godersi il panorama, mentre l'auto marcia da sola, ci sono tantissime persone che non possono guidare per problemi di vista, a cui ovviamente i media non danno peso, senza considerare che invece saremmo i principali acquirenti. Finora purtroppo non ho letto, né ascoltato una parola spesa per l'utilità di questo mezzo per tutte le persone disabili visive del mondo, ma solo opportunità banali per normodotati viziati.
Le domande che ascoltavo a un tg, sono: se l'auto si trova con un pedone da una parte e un muro o un baratro dall'altra, cosa deciderà di fare in questo caso il suo computer? Oppure: se investo qualcuno, di chi è la colpa? Di me che manco guido, o di chi mi ha venduto l'auto, che a sua volta se la prenderà con chi l'ha fabbricata? Insomma, nell'immaginario collettivo italiano non esiste ancora la praticità: ma su ogni cosa ci si deve discutere e polemizzare, indagare e controllare, meglio se sui social come il gregge ama fare in questi casi, e mentre noi parleremo di cosa è giusto o no, gli americani ciechi scorazzeranno liberi sulle loro piccole auto ecologiche e intelligenti.
Pare che queste capsulette siano più sicure di ogni altra auto guidata da umano: io ne so qualcosa di auto senza un conducente umano. Non ho mai provato ancora a farmi guidare da un'auto, ma so bene cosa sono le auto addosso se non c'è chi guida e manco un computer di bordo.
E pensare che gli italiani, quelli che si dipinsero le finte cinture di sicurezza sulle magliette quando ne passò l'obbligo, lo fanno da anni, anche senza tanti sistemi intelligenti e sofisticati: si incapsulano nell'abitacolo imbottito di un'auto, e poi tutto fanno tranne che concentrarsi alla guida. Le auto vanno da sole da noi, e succede da anni, lo dimostrano i dati agghiaccianti dei morti quotidiani qui, per questo Marchionne va sul sicuro in America :)
Aspetteremo, arriverà un giorno in cui anche gli italiani parleranno di meno, e faranno qualcosa di più concreto, di buono intendo e non le solite cose finte e decadenti prima della lor stessa inaugurazione? Già vedo questo scenario: noi a discuterne e loro in auto, che parcheggiano e scendono col loro cane guida, per camminare su un marciapiede, finalmente libero dalle auto che hanno vinto sugli umani (ad esempio quella Mercedes190 che, senza un umano al volante, si è avventata di culo su di me il 9 maggio del 2002). Oppure, altro scenario che vedo, in un futuro davvero lontano: noi italiani che finalmente avremo approvato un'auto di questo tipo, mentre altrove chi è cieco potrà anche guidare un'astronave.
Questa capsuletta intelligente, se non arriva qui per tanti motivi, mi spingerà a lasciare l'Italia per sempre, e senza tanto dolore, considerando che ogni ausilio me lo devo pagare di tasca mia comunque, visto che dal 1999 stanno ancora parlando se riformare e come il Nomenclatore Tariffario delle Asl.

Bla Bla quest'anno, bla bla il prossimo, bla bla chissà per quanto. Dal prossimo anno in America invece sarà solo un rumble rumble, per tutti (almeno coloro che potranno acquistarla).
A proposito: Artù è in pensione, non lavora più, io sono quasi reclusa perché incapace di deambulare da sola col bastone, e questa capsuletta a noi ci farebbe proprio comodo. Una song che mi  venuta in mente scrivendo, è questa: mi immagino coi capelli al vento, Artù e il prossimo cane (in arrivo tra pochissimo) che sfrecciamo sulle strade (americane, se non voglio farlo a 150 anni). Ascolta Good Morning Sunshine

1 commenti:

  1. sicuramente quest'auto va piano e agli italiani gli piace andare veloci, anche quando non hanno nessuna premura

    RispondiElimina

FIRMATI anche se non vuoi loggarti: un anonimo è una punizione per una cieca.
Se usi screen reader: per leggere il captcha usa mozilla e webvisum.
Grazie! Laura Raffaeli

CANE GUIDA E BARRIERE

CANE GUIDA E BARRIERE
DAL TGR: RISPETTA IL CANE GUIDA E I PASSAGGI PEDONALI, GRAZIE! Sono stanca di dire sempre le stesse cose in tv, sui giornali, nel web, per strada..: la tua civiltà si misura anche da queste cose. Clicca l'immagine per il video

Google+ Followers

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE

RACCOGLI LA CACCA DEL TUO CANE
CAMPAGNA DI BLINDSIGHT PROJECT